antivirus migliore

antivirus migliore

Sei alla ricerca di un buon antivirus per proteggere il tuo PC ma non sai verso quale soluzione orientarti?
Vorresti qualche consiglio relativo all’antivirus migliore da utilizzare quando non si è molto esperti di PC?
Allora non pensarci su due volte e corri a installare Bitdefender Free.

Come suggerisce abbastanza facilmente il suo nome, Bitdefender Free è la versione gratuita di uno dei migliori antivirus presenti sul mercato.
Protegge il computer in tempo reale da tutte le principali forme di minaccia informatica e non rallenta in alcun modo Windows.
Basta installarlo e poi fa tutto lui, consentendoti di navigare online, lavorare e svagarti con il tuo PC senza troppi pensieri.
Ecco come funziona.

Se vuoi seguire il mio consiglio provando l’antivirus migliore in ambito gratuito, collegati al sito Internet di Bitdefender Free e clicca prima sul pulsante Scaricalo gratis e poi su Scarica per avviare il download del programma sul tuo PC.
A download ultimato apri, facendo doppio click su di esso, il file appena scaricato (Antivirus_Free_Edition.exe) e, nella finestra che si apre, fai click sul pulsante per avviare il setup di Bitdefender.

A questo punto, seleziona la lingua Italiana dal menu a tendina collocato in alto a destra, metti il segno di spunta accanto alla voce Accetto i termini dell’accordo di licenza (per accettare le condizioni di utilizzo dell’antivirus) e clicca prima su Pros. e poi su Avvia per completare il processo d’installazione ed avviare una prima scansione del sistema.

Alla fine del setup, clicca sul pulsante Termina per chiudere la finestra.
Affinché la procedura vada a buon fine occorre che ci sia una connessione Internet attiva sul tuo PC (in quanto devono essere scaricati dei file necessari all’installazione dell’antivirus).

IMMAGINE QUI 1

Bitdefender Free monitora costantemente la navigazione Internet e le attività svolte in locale sul PC (apertura file e avvio di applicazioni) rivelandosi una soluzione antivirus migliore di molte altre a pagamento.
Se vuoi effettuare una scansione completa del computer (operazione che ti consiglio caldamente la prima volta che avvii il software), fai click destro sull’icona di Bitdefender collocata accanto all’orologio di Windows e seleziona la voce Scansione completa dal menu che compare.

Per continuare ad usare Bitdefender Free dopo i primi 30 giorni successivi all’installazione, devi creare un account gratuito su My Bitdefender.
Clicca quindi sull’icona dell’antivirus nell’area di notifica e clicca sul pulsante Accesso presente nel riquadro che compare.

Nella finestra che si apre, clicca sul link Crea un nuovo account e compila il modulo che ti viene proposto per creare il tuo profilo My Bitdefender gratuito.
Per completare la registrazione, devi confermare la tua identità cliccando sul link che ti verrà inviato via email.
In alternativa, puoi iscriverti ai servizi online di Bitdefender autenticandoti con i tuoi profili Facebook e Google:
basta cliccare sulle apposite icone dopo aver premuto il pulsante Accesso.

IMMAGINE QUI 2

come disattivare antivirus windows

come disattivare antivirus windows

Hai recentemente installato Windows 10 sul computer e sei soddisfatto della tua scelta, eccezion fatta per l’antivirus integrato:
nonostante Microsoft abbia fatto passi da gigante in questo settore, il software di sicurezza incluso nel sistema operativo, Windows Defender, proprio non riesce a soddisfare le tue aspettative, per cui avresti bisogno di installare una soluzione di sicurezza alternativa nel brevissimo termine.

Un tuo amico smanettone, però, ti ha consigliato di disattivare antivirus Windows 10 prima ancora di procedere, onde evitare conflitti e situazioni impreviste, ed è questo il motivo per cui hai aperto Google alla ricerca di istruzioni su come portare a termine quest’operazione.
Ebbene, sono lieto di comunicarti che ti trovi nel posto giusto al momento giusto:
seguendo alla lettera le semplici istruzioni che mi appresto a fornirti, infatti, riuscirai a disabilitare temporaneamente Windows Defender per installare in tutta sicurezza un software antivirus alternativo.

Dunque, cos’altro aspetti per iniziare?
Ritaglia un po’ di tempo libero per te, mettiti bello comodo e segui per filo e per segno i passaggi seguenti:
sono sicuro che, al termine di questa lettura, sarai perfettamente in grado di raggiungere il tuo obiettivo.
Ricorda sempre, qualsiasi cosa tu decida di fare, che lasciare il computer senza antivirus è un’operazione estremamente rischiosa per l’integrità dei dati e del computer stesso:
non dire che non ti avevo avvisato!

Indice

  • Come disattivare l’antivirus di Windows 10
  • Migliori alternative all’antivirus di Windows 10
    • Avast Free
    • Avira Free
    • AVG Free
    • Bitdefender Free
    • Kaspersky Free
    • Panda dome

Come disattivare l’antivirus di Windows 10

IMMAGINE QUI 1

Prima di entrare nel vivo di questa guida e capire nel concreto come disattivare antivirus Windows 10, devo farti un’importante premessa:
innanzitutto, questa operazione lascerà la tua macchina vulnerabile alle minacce, per cui ti consiglio di procedere soltanto se hai intenzione di installare una soluzione alternativa.
Inoltre, la disattivazione di Windows Defender (salvo modifiche “avanzate” sul sistema operativo) è provvisoria:
l’antivirus, per questioni di sicurezza, viene riattivato dopo un periodo di tempo prestabilito.

Considerata la pericolosità della rete Internet, ti invito caldamente a scegliere il tuo nuovo antivirus con Defender ancora attivo e, solo dopo aver scelto cosa installare e dopo aver scaricato l’installer, provvedi a disattivare l’antivirus di Windows 10.

Ora che disponi di tutte le informazioni necessarie, è il momento di passare all’azione! Se intendi ancora disattivare antivirus Windows 10, puoi servirti del pannello di gestione dedicato alla sicurezza del sistema operativo:
per richiamarlo, premi sull’icona a forma di scudo bianco con segno di spunta collocata nell’angolo in basso a destra dello schermo (nei pressi dell’orologio, per intenderci) e seleziona la voce Protezione da virus e minacce dalla schermata che va ad aprirsi.

In alternativa, puoi accedere alla medesima sezione avvalendoti dell’area di ricerca del menu Start (richiamabile cliccando sull’icona a forma di bandierina collocata nell’angolo in basso a sinistra dello schermo) oppure della barra di ricerca di Cortana:
digita nell’apposito campo la parola Defender, fai clic sulla voce Impostazioni di Windows Defender e, dalla finestra che si apre a schermo, premi sull’opzione Protezione da virus e minacce per accedere al pannello relativo alla sicurezza di Windows.

IMMAGINE QUI 2

A questo punto, fai clic sulla voce Impostazioni di Protezione da virus e minacce, quindi disattiva tutte le voci collocate nel pannello successivo, facendo clic sulle relative levette (che devono assumere la posizione Disattivato):
per ottenere il risultato che desideri, devi obbligatoriamente “spegnere” le funzionalità di Protezione in tempo reale, Protezione fornita dal cloud e Invio automatico file di esempio.

Durante la disattivazione di ciascuna voce, vedrai comparire le schermate di sicurezza relative al Controllo Account Utente (UAC) di Windows:
per confermare la volontà di procedere, premi sul pulsante , quando richiesto.

Completata questa operazione, Windows Defender sarà disattivato per un tempo limitato (al massimo fino al successivo riavvio del computer), così da predisporre il PC all’installazione di una nuova soluzione di sicurezza. Personalmente, ti consiglio di procedere il più velocemente possibile poiché, dopo aver seguito i passaggi che ti ho illustrato, il computer risulterà completamente vulnerabile ai virus e, in generale, ai malware reperibili sul Web (ma non solo).

Come dici?
Vuoi liberarti di Windows Defender e disattivarlo definitivamente?
Allora ti consiglio di seguire alla lettera la mia guida su come disattivare antivirus, in cui ti ho descritto i passaggi da seguire per azzerare del tutto la protezione offerta dall’antivirus di Windows 10 (intervenendo anche sul registro di sistema).
Come al solito, ti esorto a valutare attentamente se compiere o meno questa operazione, che potrebbe mettere seriamente a rischio la sicurezza del computer e dei dati in esso presenti.
Non dire che non ti avevo avvisato!

Migliori alternative all’antivirus di Windows 10

Ora che hai disattivato l’antivirus di Windows 10, non hai la più pallida idea di quale soluzione adottare per proteggere adeguatamente il computer?
Allora questa è la sezione più adatta a te:
di seguito mi appresto, infatti, a mostrarti alcune tra le più valide alternative a Windows Defender, tutte estremamente efficienti e, soprattutto, gratuite.

Avast Free

IMMAGINE QUI 3

La prima soluzione che voglio suggerirti per sostituire l’antivirus integrato in Windows 10 è Avast Free:
questo programma, nella sua versione gratuita, offre un modulo di scansione in tempo reale (per l’analisi dei file attivi), un modulo comportamentale (per scovare i comportamenti nascosti dei file e dei programmi), un modulo per la protezione mentre si naviga sul Web, un modulo per proteggere i programmi di posta elettronica, un modulo per controllare la sicurezza della connessione Wi-Fi e un modulo per controllare se i programmi installati sono aggiornati, il tutto attivabile nel giro di un paio di clic.

Per servirtene, collegati alla pagina ufficiale dell’antivirus e clicca sul pulsante DOWNLOAD GRATUITO PER PC, in modo scaricare il suo file d’installazione sul disco del computer. Al termine del download.
fai doppio clic sul file appena scaricato (ad es. avast_free_antivirus_setup_online.exe) per avviare l’installazione dell’antivirus:
se lo desideri, rimuovi il segno di spunta dalle caselle relative all’installazione di Google Chrome e della Chrome Toolbar, entrambe collocate in basso, per poi cliccare sul pulsante Installa presente al centro.

Al termine dell’installazione, l’antivirus verrà attivato automaticamente e dovrebbero comparire alcune finestre per ottenere funzionalità aggiuntive, che puoi tranquillamente chiudere:
per accedere al pannello di gestione di Avast, fai clic sul tasto Prosegui non appena esso sarà visibile.

Avira Free

IMMAGINE QUI 4

Un altro antivirus che puoi installare gratuitamente sul computer per sostituire Windows Defender è Avira Free: nella sua versione gratuita, questa suite di sicurezza prevede un modulo di protezione in tempo reale, un modulo firewall per controllare l’accesso non autorizzato alla Rete da parte dei programmi sospetti, il sistema di connessione Phantom VPN per navigare sicuri tramite connessione VPN, il tool System Speedup per velocizzare il PC, il modulo Safe Shopping per proteggere durante gli acquisti effettuati sul Web e Privacy Pal, un utile strumento per regolare le impostazioni della privacy di Windows 10 e dei programmi supportati.

Per servirtene, collegati alla sua pagina di download ufficiale, clicca sul pulsante Scarica Free Security Suite e ripeti l’operazione con il pulsante Scaricala nella finestra di scelta della versione, così da avviare subito il download del file d’installazione.

Completato il processo, fai doppio clic sul file avira_it_fassXX_ws.exe, premi sul pulsante Accetta e Installa che compare nella finestra successiva, premi più volte sul pulsante Avanti collocato in basso e attendi che l’installazione venga automaticamente portata a termine.
Completata quest’operazione, puoi avviare la suite di sicurezza tramite l’icona creata sul desktop, così da visionare e gestire i suoi vari componenti.

AVG Free

IMMAGINE QUI 5

Un’altra validissima soluzione antivirus gratuita adatta a sostituire Windows Defender è AVG Free:
essa offre un livello di sicurezza paragonabile a quello ottenibile con Avast, al punto che molte voci (e anche notifiche) sono praticamente identiche.

AVG include un modulo di protezione in tempo reale, un modulo per controllare i siti Web visitati e le email ricevute tramite i programmi per la posta elettronica, un modulo per controllare i comportamenti sospetti, un modulo di valutazione file per scovare le minacce nascoste, l’estensione SafePrice per ottenere le migliori offerte del Web e la modalità Do-Not Disturb, utile per inibire la comparsa delle finestre d’avviso durante l’esecuzione di programmi a schermo intero (ad es.
riproduttori multimediali o videogiochi).

Per scaricare AVG, recati sulla pagina ufficiale del programma e clicca sul pulsante Download gratuito per copiare il suo file d’installazione sul computer.
Fatto ciò, lancia il file appena scaricato (ad es. AVG_Antivirus_Free_XXXX.exe) e, nella finestra di benvenuto, rimuovi ogni eventuale segno di spunta relativo all’installazione di programmi aggiuntivi, quindi fai clic sul pulsante Prosegui e successivamente sul pulsante Installa la protezione di base. Una volta completata la procedura di installazione, puoi avviare AVG e controllarne i vari moduli sia tramite la sua icona sul desktop, sia tramite l’area di notifica di Windows 10.

Bitdefender Free

IMMAGINE QUI 6

Se cerchi una soluzione che possa sostituire l’antivirus di Windows 10 fornendo un’adeguata protezione insieme a un’interfaccia estremamente semplice e pulita, potresti optare per Bitdefender Free.
Questa suite di sicurezza include un modulo di scansione in tempo reale, un modulo per il rilevamento delle definizioni sconosciute tramite cloud, un modulo comportamentale e un modulo Web, utile per controllare l’integrità delle pagine Internet visitate tramite il browser.

La particolarità di Bitdefender è quella di essere particolarmente “silenzioso”, mostrando notifiche e finestre d’avviso soltanto quando ce n’è bisogno.
Utile, inoltre, la possibilità di analizzare “al volo” un file sospetto semplicemente trascinandolo nella finestra principale del programma.

Per avvalerti di questa soluzione, collegati al suo sito ufficiale e clicca sul pulsante Scaricalo gratis, per scaricare subito il suo file d’installazione.
Completato il download, avvia quest’ultimo (ad es. bitdefender_online.exe) e attendi qualche minuto affinché il materiale necessario al setup venga scaricato da Internet.

Giunto alla finestra di benvenuto, accetta la licenza d’uso del programma apponendo il segno di spunta nell’apposita casella e premi sul pulsante Install per avviare il setup vero e proprio:
a questo punto, Bitdefender effettuerà una rapida scansione del computer alla ricerca di minacce preesistenti e, completata la stessa, procederà a copiare i file necessari e a mettere immediatamente in sicurezza il PC.

Kaspersky Free

IMMAGINE QUI 7

Tra gli antivirus più famosi esistenti sulla scena informatica e compatibili anche Windows 10 c’è sicuramente Kaspersky che, ormai da qualche anno, offre una soluzione gratuita per utilizzo domestico, la quale include un modulo di scansione in tempo reale, un modulo di scansione comportamentale tramite servizio cloud KSN, l’integrazione in tutti i principali browser (così da ottenere un controllo completo per le pagine Internet visitate) e la modalità Gioco, utile per evitare di essere “disturbati” dalle notifiche durante la riproduzione di titoli a schermo intero.

Per servirtene, collegati al sito ufficiale dell’antivirus e clicca sul pulsante Scarica ora per avviare immediatamente il download di Kaspersky Free sul computer.
Fatto ciò, lancia il file appena scaricato (ad es. startup_XX.exe), quindi fai clic sul pulsante Continua.
Nella nuova finestra che compare a schermo, apponi il segno di spunta sulle due voci presenti in basso, così da sbloccare il tasto Accetto:
premilo per due volte e, se lo desideri, ripeti l’operazione per accettare la raccolta dei dati ai fini di marketing e avviare dunque l’installazione.

Alla fine del processo, apponi il segno di spunta nelle caselle annesse alla finestra di riepilogo conclusiva, così da permettere a Kaspersky di analizzare il computer alla ricerca di programmi indesiderati e rootkit e il gioco è fatto:
puoi avviare l’antivirus richiamandolo dal desktop, dal menu Start o dall’area di notifica di sistema.

Panda dome

IMMAGINE QUI 8

In ultimo, ma non per importanza, vorrei segnalarti un antimalware non molto conosciuto ma in grado di offrire un livello di protezione più che adeguato per un utilizzo domestico:
sto parlando di Panda Dome.
Questa soluzione fornisce un modulo di scansione in tempo reale, un modulo cloud per il rilevamento di minacce e definizioni sospette e sconosciute, un modulo di analisi comportamentale, gli aggiornamenti in tempo reale, la modalità VPN (per attivare la navigazione sicura) e il modulo “Vaccino USB”, in grado di immunizzare chiavette USB e dischi esterni nel momento in cui essi vengono collegati al computer.

Installare Panda Dome è semplicissimo:
collegati alla pagina Internet ufficiale, premi sul pulsante Scarica presente in alto e, completato il download del file di setup (ad es. PANDAFREEAV.exe), avvialo immediatamente sul computer.
A questo punto, clicca sul pulsante Successivo, rimuovi eventualmente tutti i segni di spunta presenti nella finestra successiva per evitare l’installazione di software aggiuntivo e, completata questa operazione, premi sul pulsante Accetta e installa per avviare l’installazione dell’antivirus, che viene immediatamente attivato a conclusione del processo.

Come dici?
Trovi ottime le soluzioni che ti ho proposto, tuttavia avresti la necessità di visionare ulteriori soluzioni per sostituire l’antivirus di Windows 10 per aumentare il tuo margine di scelta?
Allora ti consiglio caldamente, dopo aver dato un’occhiata alle classifiche antivirus più aggiornate, di consultare il tutorial dedicato agli antivirus per Windows 10 che ho preparato apposta per te, in cui ho avuto modo di trattare in dettaglio l’argomento, lasciando spazio anche a soluzioni commerciali ancor più complete, utilizzabili previo acquisto di licenza.

IMMAGINE QUI 9

miglior antivirus mac

miglior antivirus mac

Se per quel che concerne l’universo Windows munirsi di un buon antivirus è praticamente imprescindibile al fine di prevenire ed aggirare eventuali minacce informatiche che potrebbero andare ad inficiare il buon funzionamento del computer, per quanto riguarda il versante Mac il discorso appare da sempre decisamente ben più controverso.
Partendo dal presupposto che si, i virus per computer Apple esistono ma che no, non sono diffusi tanto quanto in ambiente Windows, disporre comunque di un antivirus per Mac può tornare utile, in particolar modo a chi si ritrova a dover condividere spesso e volentieri file con i PC ed a chi è solito scaricare app al di fuori del Mac App Store (che quindi non sono soggette a controlli da parte di Apple).

Premesso ciò, il mio consiglio al riguardo è innanzitutto quello di utilizzare il Mac in maniera accorta evitando l’installazione di software provenienti da fonti discutibili e mettendo in pratica alcuni ulteriori semplici dritte.
Per quel che concerne invece il discorso antivirus in senso stretto, ti suggerisco d sfruttare una risorsa in grado di effettuare una scansione on-demand del computer e dei file da inviare ai PC Windows solo all’occorrenza.
Alla luce di quanto precedentemente scritto, soluzioni capaci di monitorare il Mac in maniera continua effettuando una scansione in tempo reale al momento non sono fondamentali in ambito domestico ed il loro utilizzo rischierebbe solo di andare solo ad appesantire e rallentare inutilmente il computer (poi, a te la scelta, ovviamente).

Come dici?
Ti è tutto perfettamente chiaro ed adesso vorresti finalmente ricevere qualche consiglio per riuscire ad identificare il miglior antivirus Mac da scaricare e usare sul tuo computer Apple?
Beh, certo, era esattamente quello che intendevo fare con questo mio tutorial.
Per approfondire la questione continua pure a leggere, trovi tutte le indicazioni di cui hai bisogno proprio qui di seguito.
Spero vivamente tu riesce a trovare una soluzione in grado di soddisfarti.

Indice

  • Buoni consigli
  • Migliori antivirus
    • Malwarebytes Anti-Malware For Mac
    • Bitdefender Virus Scanner
    • Avast Antivirus
    • Altri antivirus per Mac

Buoni consigli

IMMAGINE QUI 1

Prima di dedicarci in maniera specifica all’identificazione del miglior antivirus per Mac, desidero, come anticipato in apertura, fornirti alcuni semplici consigli – quelli che trovi qui di seguito – che possono permetterti di utilizzare il tuo computer Apple in maniera più consapevole ma che sono anche in grado di garantirti un livello di protezione ben maggiore evitando dunque, a prescindere dall’uso di questa o quell’altra soluzione specifica, di incappare in eventuali minacce informatiche.

  • Installa applicazioni provenienti solo da fonti attendibili – Come ti ho già anticipato, il primo fondamentale passo per garantire un maggior grado di sicurezza al tuo Mac consiste nell’installare solo le app presenti sul Mac App Store (quindi quelle che sono state verificate direttamente da Apple) e solo quelle provenienti da sviluppatori attendibili, come ad esempio possono esserlo le risorse di casa Adobe e Microsoft.
    Ti consiglio altresì di evitare di ricorrere all’uso di plugin come Flash Player e Java che, sempre più spesso, vengono sfruttati dai malintenzionati come veicolo per gli attacchi informatici.
  • Abilita Gatekeeper – A partire da Mountain Lion, Apple ha deciso di introdurre sui suoi computer una funzione denominata Gatekeeper che va a rafforzare la protezione del sistema impedendo l’esecuzione di applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati.
    Per impostazione predefinita la funzione dovrebbe essere già abilitata ma ti suggerisco comunque di verificare che sia realmente così (a partire da macOS High Sierra può essere disattivata solo agendo da Terminale) ed eventualmente di rimediare.
    Per fare ciò, recati in Preferenze di sistema, clicca su Sicurezza e Privacy, seleziona la scheda Generali e verifica che sia selezionata l’opzione App Store e sviluppatori identificati. Se l’opzione non risulta selezionata, premi sul lucchetto in basso a sinistra, inserisci la password del tuo account utente su macOS, clicca sul bottone Sblocca e selezionala.
  • Installa gli aggiornamenti – Apple rilascia aggiornamenti regolari per macOS che, funzionalità e correzioni di bug a parte, vanno a chiudere anche eventuali falle di sicurezza rilevate e quindi vanno ad incrementare il livello di protezione del Mac.
    Di conseguenza, se vuoi evitare problemi devi installare tutti gli aggiornamenti che vengono resi disponibili per il tuo Mac.
    Per ricevere tutti gli aggiornamenti per macOS, apri Preferenze di sistema, vai su Aggiornamento software e, se non è presente, metti il segno di spunta accanto alla voce Mantieni il Mac aggiornato automaticamente.
    Dopodiché premi sul pulsante Avanzate e apponi il segno di spunta accanto a tutte le voci disponibili: Cerca aggiornamenti, Scarica i nuovi aggiornamenti quando disponibili, Installa aggiornamenti macOS, Installa gli aggiornamenti delle app da App Store e Installa i file dei dati di sistema e agli aggiornamenti di sicurezza. Se utilizzi una versione di macOS precedente alla 10.14 Mojave, devi seguire una procedura leggermente diversa:
    devi avviare il Mac App Store, selezionare la Aggiornamenti in alto a destra, verificare la disponibilità di eventuali update e cliccare sul relativo bottone Aggiorna.
    Se vuoi, puoi anche abilitare il download automatico degli update recandoti in Preferenze di sistema, cliccando su App Store e spuntando le voci Verifica aggiornamenti automaticamente, Scarica gli aggiornamenti disponibili in background e Installa i file dei dati di sistema e gli aggiornamenti di sicurezza.
    Volendo, puoi abilitare anche l’opzione Installa aggiornamenti app che ti consentisse di ricevere in automatico gli aggiornamenti rilasciati per le app installate sul computer che sono state scaricate dal Mac App Store.

Migliori antivirus

Veniamo ora al cuore vero e proprio della questione:
cercare di capire qual’è il miglior antivirus per Mac.
Sempre tenendo conto di quanto affermato nelle precedenti righe, qui di seguito trovi dunque quelle che rappresentano alcune tra le migliori risorse della categoria per i computer della “mela morsicata”.
Ci sono sia soluzioni gratuite che a pagamento, tutte frutto dell’attento lavoro delle miglior software house in circolazione per quel che concerne la protezione a livello informatico.

Malwarebytes Anti-Malware For Mac

IMMAGINE QUI 2

Il pericolo virus su Mac, come già detto in precedenza, è molto più ridotto che su Windows.
Nella maggior parte dei casi, dunque, è sufficiente installare un buon antimalware e usarlo di tanto in tanto per controllare lo stato del sistema:
non c’è bisogno di un software che agisca costantemente con una protezione del sistema in tempo reale.
A tal proposito, vorrei consigliarti Malwarebytes Anti-Malware For Mac, la variante per macOS di uno dei migliori antimalware disponibili per Windows, che è disponibile in due versioni:
una gratuita senza protezione in tempo reale e una pagamento (39,99 euro/anno) con protezione in tempo reale.

Per scaricare la sua versione gratuita, collegati al suo sito ufficiale usando il collegamento che ti ho fornito poc’anzi e clicca sul pulsante Download gratuito.
A download ultimato, apri il file .pkg di Malwarebytes e segui la procedura guidata per l’installazione del programma.
Clicca, quindi, sul pulsante Continua per tre volte consecutive, premi poi su AccettaInstalla, fornisci la password di amministrazione del Mac e, quando l’installazione giunge al termine, clicca prima su Chiudi e poi su Sposta.

Adesso, non ti resta che avviare Malwarebytes, selezionare la scheda Dashboard dalla barra laterale del programma e avviare una scansione del computer. Clicca, quindi, sul pulsante Scan now e attendi che la scansione del sistema venga avviata e portata termine.
Qualora Malwarebytes Anti-Malware For Mac dovesse rilevare qualcosa, seleziona gli elementi “incriminati”, clicca sul pulsante per rimuoverli e, se necessario, accetta di riavviare il computer per ultimare l’opera di pulizia.
Se invece non viene rilevata alcuna minaccia, clicca semplicemente sul pulsante per terminare la scansione.

Bitdefender Virus Scanner

IMMAGINE QUI 3

Iniziamo questo excursus alla ricerca del miglior antivirus per Mac parlando di Bitdefender Virus Scanner, di casa Bitdefender, appunto.
È una delle soluzioni più apprezzate su Mac (e non solo) per quel che concerne la protezione del sistema.
Ha un tasso di rilevamento delle minacce pari al 100% e non appesantisce macOS.
È disponibile in due varianti:
una gratuita che effettua solo scansioni on-demand e una a pagamento (39,99 euro) che include anche un modulo per la protezione in real time.
Entrambe le versioni si scaricano direttamente dal Mac App Store, sono molto semplici da usare e sono in grado di riconoscere sia i malware per macOS che quelli per Windows.

Per effettuarne il download sul tuo computer, scegli dunque la versione che preferisci dopodiché clicca sul bottone Visualizza nel Mac App Store nella pagina Web che si apre dopo aver selezionato il relativo collegamento che ti ho fornito poc’anzi e clicca sul pulsante Ottieni/Installa (nel caso della versione gratuita) oppure su quello 32,99 €/Acquista app (nel caso dalla versione a pagamento).

A procedura ultimata, avvia l’antivirus richiamandolo dalla cartella Applicazioni oppure dal Launchpad (volendo puoi anche aprirlo mediante Spotlight o, ancora, puoi “evocarlo” tramite Siri) ed inizia ad utilizzarlo.
In base a quelle che sono le tue necessità, puoi scegliere se controllare i percorsi critici (Controlla percorsi critici), se effettuare la scansione dell’intero sistema (Scansione appr.
del sistema
) o se controllare uno specifico percorso (Controlla percorso pers.) semplicemente facendo clic sui relativi bottoni nella finestra del programma.
Puoi anche scansione un singolo file trascinandolo direttamente nella finestra di Bitdefender.

Prima di effettuare una qualsiasi operazione ti consiglio però di aggiornare le definizioni dei virus cliccando sul bottone Aggiorna.
Tieni poi presente che nel caso della versione a pagamento dell’antivirus puoi scegliere se tenere attiva o meno la scansione lasciando su ON o portando su OFF il relativo interruttore e puoi eventualmente abilitare la protezione Web premendo sul pulsane Attiva in corrispondenza della relativa voce e seguendo poi le opzioni a schermo.

Qualora poi preferissi ricorrere all’uso di una soluzione ancora più avanzata e dalle fattezze ben più simili a quelle degli antivirus per sistemi operativi Windows, invece che sfruttare uno scanner quale quelli di cui sopra puoi fare riferimento a Bitdefender Antivirus For Mac, a pagamento, comprensivo di un maggior numero di funzioni e scaricabile direttamente dal sito dell’azienda.

Avast Antivirus

IMMAGINE QUI 4

Avast è una valida soluzione per chi cerca un antivirus per Mac gratuito dotato di protezione in tempo reale.
Per procurartelo, collegati al suo sito ufficiale e clicca sul pulsante Download gratuito per Mac.
A download completato, apri il pacchetto dmg che hai appena ottenuto, avvia l’eseguibile Avast Security contenuto al suo interno e, nella finestra che compare sulla Scrivania, fai clic prima sul pulsante Continua per quattro volte di seguito e poi sul pulsante Accetta.

Scegli, dunque, se installare Avast SecureLine VPN e Avast Passwords, clicca su Continua e Installa, fornisci la password di amministrazione del Mac e premi Invio.
A questo punto, clicca sul pulsante Apri le preferenze di Sicurezza, premi il pulsante Consenti presente nelle Preferenze di sistema (in modo da autorizzare l’installazione di Avast) e clicca su Chiudi e Sposta per concludere il setup.

Adesso, apri Avast e avvia una scansione completa del sistema selezionando la voce Scansiona dalla barra laterale di sinistra e premendo sul pulsante Avvia relativo all’opzione Scansione sistema completo.
Se qualche passaggio non ti è chiaro e/o vuoi maggiori informazioni su come funziona Avast, consulta il mio tutorial dedicato a questo antivirus.

Altri antivirus per Mac

IMMAGINE QUI 5

Oltre a quelle di cui ti ho parlato nelle righe precedenti, sono disponibili anche altre soluzioni antivirus per Mac.
Se ti va di approfondire la questione o comunque sia se per un motivo o per un altro gli strumenti summenzionati non ti avessero soddisfatto, puoi fare riferimento alle classifiche antivirus per Mac di AV-Test e di AV-Comparatives che ho a mia volta sfruttato per la stesura di questo post e che puoi prendere in considerazione per provare ulteriori antivirus.

Trattasi di due aziende indipendenti che fornisco dei report periodi riguardo l’efficienza degli antivirus presenti sul mercato tenendo conto di più parametri di valutazione.
Per maggiori dettagli al riguardo, puoi legge il mio articolo dedicato, per l’appunto, alle classifiche antivirus.

IMMAGINE QUI 6

antivirus online

antivirus online

Da qualche giorno ti sei accorto che il tuo computer è diventato improvvisamente lento e, ripensando alla causa di questo problema, ti sei ricordato di aver scaricato dei programmi collegandoti a siti Internet dalla dubbia affidabilità.
Adesso però vorresti correre ai ripari e sei intenzionato a utilizzare un antivirus online, in quanto non vuoi scaricare programmi sul tuo computer, perché ritieni che possano appesantirlo ulteriormente.

Come dici?
Le cose stanno proprio così e ti chiedi se posso aiutarti a risolvere questo problema?
Non preoccuparti; grazie alle risorse gratuite di cui ti parlerò in questo mio tutorial, potrai analizzare, tramite Internet, i programmi presenti sul tuo computer, per vedere se ce n’è qualcuno “sospetto”.
Nelle righe che seguono, infatti, ti parlerò di alcuni tra i più famosi strumenti gratuiti di scansione antivirus online che permettono facilmente di effettuare l’upload di file e programmi, con lo scopo di generare un report che indica la loro attendibilità o, eventualmente, la presenza di minacce.

Detto ciò, se adesso sei impaziente di saperne di più al riguardo, e se non vedi l’ora di scoprire nel dettaglio come avvalerti degli strumenti che sto per consigliarti, ti suggerisco di metterti seduto bello comodo davanti al computer.
Prenditi qualche minuto di tempo libero e segui, passo dopo passo, le indicazioni che sto per fornirti.
Ti auguro una buona lettura e ti faccio un grosso in bocca al lupo per tutto!

VirtusTotal

IMMAGINE QUI 1

Una delle prime risorse che ti consiglio di utilizzare come antivirus online è VirusTotal.
Questo servizio Web gratuito permette facilmente e velocemente di verificare l’attendibilità dei qualsiasi file tramite Internet, sfruttando il database di più di 60 tra i migliori programmi antivirus presenti sul mercato.

Per utilizzare questo servizio basta collegarsi alla sua pagina principale; non è necessario effettuare alcuna registrazione o scaricare software/plugin, in quanto si tratta di un tool che agisce direttamente via Internet.
Inoltre è utilizzabile da qualsiasi browser e da tutti i principali sistemi operativi per computer.

Per utilizzare VirusTotal, collegati dunque alla sua pagina principale tramite il link fornito, fai clic sul bottone Choose File che trovi al centro dello schermo e scegli, dal tuo computer, il file che desideri scansionare (non deve superare le dimensioni di 256 MB).
Fatto ciò, conferma l’operazione, premendo sul pulsante OK, e attendi la scansione automatica.

Al termine di quest’operazione, puoi capire a colpo d’occhio se il file scansionato è infetto da virus oppure è sicuro, facendo riferimento alla scheda Detection, la quale mostra l’elenco degli antivirus che hanno scansionato il file.

Nel caso in cui sia sicuro vi sarà un segno di spunta di colore verde, in corrispondenza del nome dell’antivirus che ha eseguito la scansione.
Invece, nel caso in cui vi siano rilevate delle minacce, queste verranno indicate da un numero di colore rosso.

In caso di dubbi sull’effettiva attendibilità di un file, fai clic sulla scheda Community:
quest’ultima è molto importante in quanto rappresenta una sezione in cui gli utenti di VirusTotal segnalano la presenza di falsi negativi o falsi positivi.

Puoi utilizzare VirusTotal anche per effettuare una scansione antivirus di siti Internet facendo riferimento alla scheda URL che è situata nella sua pagina principale.
Per compiere quest’operazione digita l’indirizzo Web del sito che vuoi scansionare nel campo di testo Search or scan a URL e premi il pulsante della lente di ingrandimento situato a fianco.

OPSWAT – Meta defender cloud

IMMAGINE QUI 2

Un altro strumento online utile a effettuare una scansione antivirus in maniera completamente gratuita e senza dover installare software o plugin sul computer è OPSWAT – Meta defender cloud, il quale si occupa di scansionare file fino a 140 MB e anche di analizzare gli URL.

Per utilizzarlo, in modo da poter consultare il suo report composto dalla scansione di più di 30 antivirus, collegati alla sua pagina principale tramite un qualsiasi browser per la navigazione a Internet:
non è necessaria alcuna registrazione per procedere.

Trascina, dunque, nel riquadro al centro della pagina il file che intendi analizzare oppure digita, nel campo di testo che vedi al centro, l’URL del sito da analizzare e premi sul pulsante Analyze. Al termine dell’operazione di scansione, per capire se il file analizzato è infetto o sicuro, fai riferimento al numero presente in corrispondenza della voce Multiscan Score.
Se il file è sicuro, vi sarà il numero 0 di colore verde; altrimenti, in rosso, verrà indicato il numero di minacce rilevate.

Per maggiori informazioni sulla scansione antivirus, fai clic sulla voce View full report:
ti verrà mostrato l’elenco completo di tutti gli antivirus che hanno effettuato la scansione e il relativo risultato.

Jotti

IMMAGINE QUI 3

Un altro strumento online molto conosciuto che permette di eseguire una scansione antivirus tramite Internet è il sito Web Jotti.
Ciò che caratterizza questo tool gratuito è la presenza di un’interfaccia utente in lingua italiana; inoltre, per essere utilizzato, non richiede alcun tipo di registrazione ed è perfettamente compatibile con tutti i principali browser per la navigazione a Internet e con tutti i principali sistemi operativi.

Per utilizzarlo, collegati alla sua pagina principale e premi sul pulsante Sfoglia che puoi trovare al centro dello schermo.
Seleziona, quindi, dal tuo computer il file che desideri scansionare e attendi che venga eseguita automaticamente l’analisi antivirus, che avviene grazie alle definizioni antivirali di 15 antivirus integrate all’interno del servizio.

Jotti permette di scansionare un numero massimo di 5 file contemporaneamente, a patto che ciascuno di essi abbia un peso massimo di 250 MB.
In questo caso, se vuoi selezionare più file, usa la combinazione Ctrl+clic su Windows o cmd+clic su macOS.

Al termine della scansione, ti verrà mostrata una pagina riepilogativa con indicato il risultato finale della scansione per ciascun antivirus; potrai così capire, a colpo d’occhio, se il file analizzato è sicuro o se infetto. Se tutto è andato per il verso giusto e, nel caso in cui il file che hai analizzato sia libero da minacce, ti verrà indicata la dicitura in verde Trovato niente.
In caso contrario, la presenza di malware o virus sarà indicata dall’antivirus con una scritta in rosso.

ESET Online Scanner

IMMAGINE QUI 4

Un altro antivirus online che si configura come una risorsa utile è il tool ESET Online Scanner.
Come è facile immaginare, questo strumento è offerto gratuitamente da ESET, famosa azienda conosciuta per il suo software antivirus, considerato uno tra i migliori del mercato.

Il servizio in questione si differenzia da quelli precedentemente elencati per diversi motivi:
prima di tutto permette di effettuare una scansione antivirus di tutti i file presenti sul proprio computer in maniera approfondita, in quanto si avvale di un applicativo che però non necessita di alcuna installazione o configurazione.

In secondo luogo, lo strumento di analisi è disponibile soltanto per Windows e, per funzionare, richiede l’utilizzo di un browser per la navigazione a Internet compatibile:
FirefoxOperaChromeMicrosoft Edge e Internet Explorer.
Quest’ultimo è necessario affinché lo strumento di analisi si colleghi online alle definizioni antivirus.

Per utilizzare l’antivirus online di ESET, collegati alla sua pagina principale e fai clic sul pulsante Scansiona ora che trovi al centro dello schermo, per scaricare il tool necessario al suo funzionamento.
Salva quindi l’applicativo sul tuo computer (esetonlinescanner_ita.exe) premendo sul pulsante Salva nella finestra di conferma di Windows, dopodiché avvialo facendo doppio clic su di esso.

Fatto ciò, una volta che il tool si sarà avviato, premi sul pulsante Per iniziare che trovi nella sua schermata principale.
Poi, fai clic sul bottone Si nella finestra di controllo dell’account utente, e premi su Accetto, per accettare i termini e le condizioni del servizio.

Adesso, fai clic sul pulsante Per iniziare che è situato in basso a destra, seleziona le caselle No grazie, non mi interessa e Disattiva il sistema di feedback, per non inviare dati sulla scansione e sull’uso del programma a ESET.

Premi quindi su Continua e sulla voce Controllo del computer, per accedere alla sezione relativa, tramite la quale puoi eseguire un controllo completo, un controllo rapido o un controllo personalizzato.
Per avviare la scansione, seleziona il tipo di controllo da avviare e premi sul pulsante Avvia controllo.

IMMAGINE QUI 5

A questo punto, non ti resta altro che attendere che l’analisi venga portata automaticamente a termine, come solitamente avviene attraverso l’utilizzo di un tradizionale software antivirus.

Altre risorse utili

IMMAGINE QUI 6

Dopo aver provato le soluzioni indicate nei capitoli precedenti, vorresti consigli utili su altri antivirus online da utilizzare?
A tal proposito, ti consiglio di dedicarmi qualche altro minuto di tempo libero e di dare un’occhiata alle risorse indicate qui di seguito.
Inoltre, non dimenticare di fare riferimento alla mia guida sui migliori antivirus, nel caso in cui cercassi una soluzione completa per proteggere il tuo computer.

  • Hybrid Analysis – è un altro servizio gratuito di scansione antivirus online che permette di eseguire l’upload e di conseguenza l’analisi dei file presenti sul proprio computer (la dimensione massima supportata è di 100 MB).
    Supporta anche la scansione di URL e ne esegue un’analisi approfondita, attraverso un sistema proprietario.
    Non richiede registrazione ed è eseguibile direttamente tramite il browser, senza dover installare alcun plugin.
  • VirScan – è un altro valido servizio online gratuito di scansione antivirus che si avvale dei motori di ricerca di alcuni antivirus famosi, tra cui AviraAvastBitdefenderEset.
    Dispone di un’interfaccia utente in lingua italiana e permette di scansionare i file caricati, a patto che questi abbiamo un peso massimo di 20MB.
  • Trustpilot – in questo caso non si tratta di un antivirus online, ma di una risorsa molto online utile per effettuare una verifica sull’attendibilità dei siti Web, grazie alle recensioni degli utenti.
    Te ne ho parlato nel dettaglio nella mia guida su come riconoscere un sito falso.
  • WOT – è un’altra risorsa utile per verificare la Web reputation di un sito Internet, cioè la sua attendibilità.
    In maniera simile a Trustpilot, si basa sulle valutazioni degli utenti, per la determinazione della sicurezza e dell’affidabilità di siti Web.
    È possibile utilizzarlo tramite il suo sito Internet ufficiale (basta digitare il nome del sito nel campo di testo Search Any Website) oppure scaricando l’estensione gratuita per i browser Google Chrome, Safari, Mozilla Firefox o Opera.

IMMAGINE QUI 7

come eliminare i virus dal pc senza antivirus

come eliminare i virus dal pc senza antivirus

In questi ultimi giorni, ti sei accorto che il computer che possiedi ormai da tempo ha iniziato a comportarsi in maniera bizzarra:
per un breve periodo di tempo, tutto sembra procedere in modo normale.
Dopo un po’, però, il sistema inizia a rallentare senza apparente motivo, mostrando spesso finestre inaspettate e schede di browser che non ricordi di aver mai aperto.

Il ripetersi del fenomeno ti ha subito fatto pensare a un’infezione da malware, che possa aver “bypassato” in qualche modo la protezione antivirus che avevi installato precedentemente sul tuo computer; dunque, ormai sfiduciato dal software di protezione, hai deciso di provare a riportare la situazione alla normalità scegliendo di eliminare i virus dal PC senza antivirus, tuttavia non hai la più pallida idea di come portare a termine quest’operazione, poiché non l’hai mai fatto prima d’ora.
Se è questo il problema che cerchi di risolvere, allora sei nella guida giusta:
di seguito, infatti, ti fornirò tutti i passaggi da eseguire per rimuovere i virus attivi sul tuo computer con sistema operativo Windows o Mac, senza affidarti a soluzioni di terze parti. Devo però metterti in guardia:
cancellare i virus “a mano” può portarti via molto tempo e avere dei risvolti imprevedibili per il computer in tuo possesso.

Segui quindi attentamente tutti i passaggi che mi appresto a fornirti nel corso di questa guida e, laddove avessi qualche dubbio, non aver timore a chiedere l’aiuto di un amico più esperto o di un tecnico informatico:
intervenire in modo errato su file delicati per il sistema operativo potrebbe condurti a conseguenze sgradite, come il ripristino completo del computer.
Dunque, usa sempre estrema cautela ed evita il più possibile eventuali distrazioni mentre agisci:
non dire che non ti avevo avvisato! A questo punto, non mi resta altro da fare che augurarti buona lettura e buona fortuna!

Indice

  • Come eliminare i virus dal PC Windows senza antivirus
  • Come eliminare i virus dal Mac senza antivirus

Come eliminare i virus dal PC Windows senza antivirus

Se hai a disposizione un computer equipaggiato con sistema operativo Windows, questa è la sezione più adatta a te, nella quale ti illustrerò i passaggi da seguire per eliminare i virus dal computer senza l’ausilio di un antivirus.
Come già detto in precedenza, segui con molta attenzione le procedure suggerite, onde evitare di ritrovarti con un sistema operativo ulteriormente compromesso.

Creare un punto di ripristino

IMMAGINE QUI 1

Per i motivi elencati nei passi precedenti di questa guida, la mossa più saggia che tu possa fare prima di iniziare a “lavorare” sul sistema è quella di creare un punto di ripristino, cioè una “foto” relativa allo stato dei file del sistema operativo, da utilizzare in caso di problemi o di blocchi dello stesso.
Dunque, tanto per cominciare, apri il menu Start facendo clic sull’icona a forma di bandierina collocata in basso a sinistra, digita la frase Crea un punto di ripristino nell’apposita barra di ricerca e apri il primo risultato proposto.

Giunto nella nuova finestra, clicca sul pulsante Crea… collocato in basso, inserisci un nome per identificare correttamente il punto di ripristino che stai per creare (ad es.
Punto precedente alla rimozione dei virus) e, quando hai finito, fai nuovamente clic sul pulsante Crea per avviare la procedura di copia dei file.
Attendi poi pazientemente che questa venga portata a termine.

Se desideri maggiori informazioni sulle modalità di creazione dei punti di ripristino in Windows, ti consiglio di leggere le mie guide su come creare punto di ripristino Windows 10 e come creare punto di ripristino Windows 7, in cui ti ho parlato nel dettaglio dell’argomento.

Analizzare i processi sospetti

IMMAGINE QUI 2

Una volta creato il punto di ripristino, è il momento di iniziare a “operare” sul sistema, identificando innanzitutto il file (o i file) contenente il malware attivo:
dunque, per prima cosa, avvia Gestione attività di Windows (cioè l’applicazione che visualizza lo stato di tutti i processi attivi sul sistema) premendo la combinazione di tasti Ctrl+Shift+Esc sulla tastiera; in alternativa, puoi ottenere lo stesso risultato facendo clic destro sulla barra delle applicazioni di Windows 10 oppure premendo la combinazione di tasti Ctrl+Alt+Canc, per poi selezionare la voce Gestione attività dal menu o dalla schermata visualizzata a schermo.

A questo punto, se necessario, fai clic sulla voce Più dettagli per entrare in modalità “avanzata” e premi sulla scheda Processi:
con molta attenzione, controlla il nome di ciascun processo in esecuzione alla ricerca di nomi “strani” o inattesi.

Se c’è qualche voce che non ti convince o che non riesci ad associare a nessuno dei programmi attivi (sia in primo piano che ridotti a icona o attivi nell’area accanto all’orologio di sistema), annota il suo nome e procedi con una rapida ricerca su Google (ad es.
cosa è [NomeProcesso]), così da capire immediatamente se si tratta di un processo abbinato a un programma legittimo o a un malware.

Individuare e scansionare il file potenzialmente infetto

IMMAGINE QUI 3

La ricerca precedente ha confermato i tuoi dubbi?
Allora è bene agire il prima possibile ed effettuare un secondo controllo utilizzando il servizio Web VirusTotal, il quale permette di caricare manualmente i file sospetti e di confrontarli con più database contemporaneamente, senza installare alcunché sul sistema.

Per procedere, dalla finestra di Gestione Attività, fai clic destro sul nome del processo incriminato e seleziona la voce Apri percorso file, per aprire una finestra di Esplora File direttamente nella cartella in cui è “nascosto” il potenziale virus.

Fatto ciò, utilizzando il browser che più preferisci (es.
Chrome), collegati al sito Internet di VirusTotal e trascina il file sospetto dalla finestra di Esplora File all’apposito riquadro collocato nel sito Web (o, se necessario, premi sul pulsante Choose file per richiamarlo tramite il pannello di Esplora File):
dopo qualche minuto, il sito dovrebbe risponderti con il risultato della scansione completa effettuata sul file caricato.

Laddove il file risultasse infetto per un numero relativamente grande di motori antimalware (almeno 8-10 per considerare il file una minaccia), è bene che tu corra immediatamente ai ripari e proceda con la rimozione manuale dello stesso.

Eliminare la minaccia

IMMAGINE QUI 4

La prima cosa che devi fare, a questo punto, è quella di “disattivare” immediatamente la minaccia, così da evitare che questa possa replicarsi ancora o proteggersi automaticamente, impedendoti, dunque, di cancellarla.
Per farlo, accedi nuovamente alla scheda Processi della finestra di Gestione attività, fai clic destro sul nome del processo legato alla minaccia, quindi seleziona la voce Termina attività/Termina albero processi dal menu proposto, confermando la volontà di procedere previa pressione del pulsante .

A questo punto, hai due modi differenti di agire:
se il file appartiene a un programma conosciuto o che avevi già visto nell’elenco dei programmi presenti sul computer, fai clic destro sul pulsante Start e recati nella sezione Impostazioni > App, se ti trovi su Windows 10, oppure recati in Start > Pannello di controllo > Programmi e funzionalità > Disinstalla un programma se stai usando una versione precedente di Windows.

Fatto ciò, identifica il programma pericoloso o che contiene file sospetti, selezionalo e, infine, fai clic sul pulsante Disinstalla, seguendo la procedura mostrata a schermo per procedere con la rimozione.
In caso di problemi, ti invito a consultare la mia guida su come disinstallare un programma, in cui ti ho spiegato per filo e per segno come procedere, in caso la procedura “standard” non dovesse andare a buon fine.

Qualora la soluzione precedente non dovesse fare al caso tuo, puoi optare per la cancellazione “manuale” del file infetto:
tieni ben presente, però, che questa procedura potrebbe portare a instabilità del sistema, senza contare poi che il malware in questione potrebbe aver già lasciato tracce ed essersi “replicato” anche su altri file o in altri percorsi.

Se sei convinto ad agire comunque, apri il percorso del file infetto in una finestra di Esplora File/Esplora Risorse, fai clic destro sul file identificato come minaccia e, tenendo premuto il tasto Shift della tastiera, clicca sulla voce Elimina collocata nel menu proposto, dopodiché conferma la volontà di procedere, premendo sul bottone .
Se necessario, ripeti i passaggi per eventuali altri file sospetti o per l’intera cartella in cui la minaccia si è palesata.

Fai sempre bene attenzione a cosa cancelli, poiché l’eliminazione di alcuni file e cartelle potrebbe compromettere irrimediabilmente la stabilità del sistema operativo:
assicurati, dunque, di agire soltanto su cartelle non fondamentali per il funzionamento del sistema operativo (come la cartella Programmi o la tua cartella Utente), evitando accuratamente di intervenire “a mano” su cartelle fondamentali per il sistema operativo, come la cartella Windows e tutte le sue sottocartelle.

Disattivare i malware in avvio automatico

IMMAGINE QUI 5

Dopo aver effettuato la cancellazione del file sospetto, ti consiglio di controllare se questo è presente tra i programmi che si avviano automaticamente con il sistema e, in caso positivo, procedere con l’eliminazione della voce a esso relativo.

Per farlo, richiama ancora una volta il programma Gestione attività (premendo i tasti Ctrl+Shift+Esc della tastiera), portati nella scheda Avvio e, se il programma infetto è presente nella lista dei file in auto-avvio, fai clic destro sullo stesso e seleziona la voce Disabilita dal menu proposto.
Quando hai finito, per precauzione, riavvia il sistema operativo.

Su Windows 7, invece, la procedura da seguire è leggermente diversa:
premi sulla tastiera la combinazione di tasti Win+R per accedere al pannello Esegui, digita il comando msconfig nel campo di testo preposto e premi il tasto Invio della tastiera per avviare il gestore della configurazione di sistema.
Una volta aperto il programma, portati nella scheda Avvio collocata al suo interno, identifica il nome del file infetto all’interno della lista che compare a schermo, rimuovi il segno di spunta a esso corrispondente e premi sui pulsanti OK e Riavvia per confermare le modifiche e riavviare il sistema.

Una volta completato il riavvio del sistema, avvia nuovamente Gestione attività per verificare che il malware sia stato effettivamente eradicato e osserva attentamente il funzionamento del computer:
se tutto è andato per il verso giusto, il computer dovrebbe presentarsi nuovamente reattivo e non dare luogo ad avvenimenti “strani” e inaspettati (come l’apertura automatica di finestre pubblicitarie, tanto per farti un esempio).

Se, invece, il file dovesse essere ancora lì, se il problema dovesse ripresentarsi o, ancora, se le condizioni del sistema operativo fossero ulteriormente peggiorate, ti consiglio di ripristinare il punto di ripristino creato in precedenza (seguendo le istruzioni che ti ho fornito in questa guida) e di provare a risolvere il problema installando un antimalware efficace e seguendo i passaggi descritti nella mia guida su come ripulire il computer da virus.

Come eliminare i virus dal Mac senza antivirus

IMMAGINE QUI 6

Devi sapere che su macOS è abbastanza difficile cadere vittima dei virus e dei malware in generale, specie se non sono state disattivate le protezioni integrate nel sistema operativo.

Se, però, riscontri comunque un comportamento anomalo del tuo Mac (lentezza di navigazione, strani avvisi o la comparsa di nuovi programmi sulla barra Dock), è sempre bene effettuare un controllo:
il primo step da compiere è quello di controllare i processi attualmente in esecuzione sul sistema, avvalendosi dell’apposito Monitor delle attività incluso in macOS.

Per richiamare l’utility in oggetto, clicca sul menu Vai collocato nel pannello superiore di sistema, premi sulla voce Utility e poi sull’icona Monitoraggio attività collocata nella finestra che compare a schermo. Se lo desideri, puoi raffinare ulteriormente la ricerca usando le schede CPU, Memoria, Rete e Disco:
in questo modo, puoi verificare la presenza di processi che occupano risorse in modo palesemente anomalo.
Se identifichi un processo sospetto o che si comporta in modo strano, controlla che sia realmente una minaccia effettuando una rapida ricerca su Google (ad es.
cosa è [NomeProcesso]).

IMMAGINE QUI 7

La ricerca ha confermato i tuoi dubbi e quello identificato è effettivamente un virus?
Allora disattivalo immediatamente tornando nella finestra di Monitoraggio attività, cliccando sul nome del processo incriminato e poi sui pulsanti (i) ed Esci per due volte.

Fatto ciò, non ti resta che eliminare il programma dalla cartella Applicazioni del Mac:
per farlo, recati nel menu Vai > Applicazioni collocato nel pannello superiore, identifica il programma nocivo, fai clic destro su di esso e seleziona la voce Sposta nel cestino dal menu contestuale che compare a schermo.
A questo punto, svuota completamente il cestino del Mac facendo clic destro sull’icona del cestino collocata nella parte destra della barra Dock e selezionando la voce Svuota il cestino dal menu proposto.

Ora che la minaccia è eliminata, ti consiglio di controllare le altre componenti a rischio del sistema (come il browser Safari) e di riattivare le misure di sicurezza preventivamente disabilitate sul Mac:
ti ho spiegato tutto nei dettagli all’interno del mio tutorial su come pulire Mac da virus.

IMMAGINE QUI 8

miglior antivirus windows

miglior antivirus windows

Il tuo amico esperto in fatto di computer te lo aveva detto:
installa un buon antivirus sul tuo PC Windows 10 o prima o poi ti ritroverai a dover fare i conti con qualche insidiosa minaccia informatica.
Detto, fatto! Vista la situazione ti sei dunque finalmente deciso a procurarti un programma antivirus per il tuo fido computer.
Non tanto per riparare al danno fatto, perché a quello ci hai già pensato il tuo amico, appunto, quanto perché vorresti evitare che una situazione analoga si verifichi nuovamente.

Come dici?
Le cose stanno esattamente in questo modo e ti piacerebbe dunque sapere se per quel che concerne la scelta di un valido software per la protezione del computer posso darti una mano?
Ma certo che si, sta’ tranquillo! Se mi concedi qualche minuto del tuo prezioso tempo libero posso infatti guidarti nell’identificazione del miglior antivirus Windows 10.

Partendo dal presupposto che di programmi di questo tipo ne esistono parecchi e che sono tutti più o meno efficienti ed affidabili, quello che intendo fare oggi, con questo mio articolo, è innanzitutto spiegarti come consultare i test di comparazione appositi ed in secondo luogo illustrarti, sulla base delle statistiche ricavate, quali sono i prodotti più “gettonati” della categoria.
Tutto chiaro?
Si?
Grandioso! Direi allora di mettere le chiacchiere da parte e di passare subito all’azione.
Buona lettura!

Indice

  • Test di comparazione
  • Migliori antivirus
    • Avast
    • AVG
    • Avira
    • Bitdefender
    • Altri antivirus

Test di comparazione

Come anticipato in apertura, per cercare di individuare qual è il miglior antivirus per Windows 10 attualmente presente sulla piazza è praticamente indispensabile affidarsi ai summenzionati test di comparazione che, come facilmente intuibile, altro non fanno che andare a mettere a confronto tra loro i motori degli antivirus di maggiori rilievo analizzandone più aspetti.
Mi chiedi quali?
Te lo spiego subito.

Innanzitutto viene verificata l’efficacia della protezione in tempo reale, vale a dire il numero di minacce che sono capaci di bloccare quando attivi sul PC.
Vengono poi conteggi i falsi positivi, ovvero le segnalazioni di presunte minacce informatiche che si sono rivelate infondate, dopodiché viene verificato l’impatto che gli antivirus hanno sulle prestazioni del computer.
Considerando tutte queste “variabili”, il miglior antivirus è dunque quello che riesce a garantire il più elevato grado di protezione senza però gravare molto sulle performance del sistema e senza segnalare un eccessivo numero di falsi positivi.

Premesso ciò, la domanda, a questo punto, sorge abbastanza spontanea:
quali sono i test per la comparazione degli antivirus ai quali è possibile fare riferimento?
La risposta è presto data:
AV-Comparatives ed AV-Test.

AV-Comparatives è un’azienda austriaca indipendente che ogni mese pubblica un confronto riguardante il grado di efficacia dei principali antivirus presenti sul mercato che può essere consultato direttamente online, mediante questa pagina, sotto forma di grafico.

IMMAGINE QUI 1

Il grafico è organizzato in barre di vari clori.
Le barre verdi indicano la percentuale di virus e malware bloccati da ogni antivirus esaminato, le barre rosse stanno invece ad indicare le minacce non rilevate dai programmi presi in considerazione dal test e le barre gialle indicano virus e malware bloccati dai prodotti in oggetto previo intervento dell’utente. Portando il cursore sulla parte colorata di ciascuna barra, viene visualizzato un fumetto che indica, rispettivamente, la percentuale di minacce bloccate, rilevate e bloccate dagli utenti.
Nella parte alta della pagina Web visualizzata ci sono invece il logo dell’azienda produttrice dell’antivirus ed un link al suo sito Internet ufficiale.

Per impostazione predefinita, gli antivirus sono ordinati in ordine alfabetico ma volendo posso essere organizzati per efficacia selezionando la voce by value dal menu a tendina Sort:
che sta in alto.
Per visionare invece la classifica degli antivirus in base alle loro performance occorre seleziona la voce Performance test dal menu a tendina Test:.

Per visionare le comparazioni effettuate da AV-Test, l’altro sito di riferimento a cui ho accennato e che puoi sfruttare per un ulteriore raffronto, devi visitare questa pagina.
Se preferisci ordinare i software in base al loro grado di efficacia fai clic sulla voce Protection che sta in alto, mente se preferisci visualizzare una classifica degli antivirus più veloci e che vanno a gravare meno devi fare clic su Performance.
Vuoi consultare la classifica degli antivirus in base ai falsi positivi?
Allora clicca su Usability ed è fatta.

IMMAGINE QUI 2

Se invece desideri ricevere maggiori dettagli riguardo il funzionamento uno specifico antivirus ed ai risultati raggiunti dallo stesso devi fare clic sul suo nome nell’elenco che sta sulla sinistra.

Migliori antivirus

Una volta visionati i report dei summenzionati siti Internet che mettono a confronto le performance degli antivirus, possiamo finalmente andare alla ricerca del miglior antivirus per Windows 10 passando in rassegna quelli che, tenendo cono dei vari fattori già indicati, ritengo sia il caso di prendere in considerazione.
Li trovi qui di seguito.
Ce ne sono sia di gratuiti che a pagamento (e nella quasi totalità dei casi è possibile scaricarne una versione di prova a costo zero).
A te la scelta!

Avast

Iniziamo passando in rassegna Avast, uno dei più celebri ed affidabili strumenti di protezione per i sistemi operativi Windows attualmente presenti sulla piazza.
È in grado di proteggere il sistema in maniera completa e di controllare le prestazioni di Windows rimuovendo software obsoleti e facendo fronte ai più svariati problemi.
È anche dotato anche di una bella interfaccia utente!

IMMAGINE QUI 3

È disponibile in varie versioni:
una gratuita e tre a pagamento. Unitamente a tutto quanto accennato in precedenza, la versione gratuita è capace di bloccare virus e malware, di ricercare i punti deboli della connessione Wi-Fi e di proteggere le password.
Un gradino più su va a collocarsi la versione Pro del programma, che è a pagamento, e che, in aggiunta a quanto già detto, permette di evitare i siti contraffatti per acquisti più sicuri e di eseguire in maniera sicura le app sospette.

La variante Internet Security, a pagamento, è invece l’ideale per coloro che navigano spesso in rete poiché garantisce un elevato grado di protezione anche online, mentre la versione Premier, anch’essa a pagamento, offre in aggiunta alcune interessanti opzioni pensate per garantire una protezione ancora più completa ed un elevato livello di privacy, sia sul PC che in rete.

AVG

Un altro antivirus degno di nota che puoi utilizzare per proteggere al meglio il tuo PC con su installato Windows 10 è AVG.
Stiamo parlando di un nome storico in fatto software per la protezione dalle minacce informatiche che può contare su un ottimo motore di scansione oltre che su tutta una ricca serie di funzionalità.
Offre una protezione del sistema operativo a 360 gradi ed ha un’interfaccia utente altamente intuitiva.

IMMAGINE QUI 4

È disponibile in tre varianti:
una gratuita e due a pagamento. La versione gratuita è capace di bloccare virus, spyware, ransomware e malware oltre che gli allegati email non sicuri, i download malevoli ed i collegamenti poco raccomandabili.
È altresì in grado di rilevare i problemi relativi alle prestazioni del computer e riceve tutti gli aggiornamento di sicurezza direttamente in tempo reale.

Le soluzioni a pagamento, Internet Security e Ultimate, offrono, come facilmente intuibile, un grado di protezione più avanzato.
Integrano infatti un firewall potenziato, la protezione per le cartelle personali ed un sistema tramite il quale è possibile evitare di incappare in siti contraffatti per pagamenti più sicuri.
Windows 10 a parte, queste due versioni offrono inoltre la possibilità di sfruttare le apposite app per smartphone e per Mac.

Avira

Ti suggerisco di prendere in considerazione anche l’idea di utilizzare Avira per proteggere il tuo PC con su installato Windows 10.
Si tratta di un altro colosso nel campo degli antivirus in grado di proteggere il computer in maniera semplice ma efficace contro tutte le più diffuse minacce informatiche.
È molto facile da usare ed il suo motore di scansione risulta essere decisamente affidabile.

IMMAGINE QUI 5

È disponibile in più varianti:
una gratuita ed altre a pagamento.
La versione gratuita offre un livello di protezione base basata sul cloud, uno scanner sempre attivo ed un sistema di safe browsing.
Un gradino più su c’è la versione Pro, a pagamento, che integra alcune funzioni aggiuntive, come ad esempio la possibilità di controllare quali dispositivi rimovibili possono connettersi al computer e l’utilizzo di un sistema automatizzato per l’analisi dei malware per aumentare la risposta alle cyber minacce.

Altri prodotti antivirus della medesima azienda dedicata alla sicurezza informatica che ti suggerisco di provare sono la Internet Security Suite e la Total Security Suite che non solo offrono un ottimo livello di protezione da virus ed altre minacce ma integrano anche un firewall e nel secondo caso anche un sistema di VPN per navigare in rete preservando la privacy, senza restrizioni geografiche.

Bitdefender

Altra ottima risorsa candidata al titolo di miglior antivirus per Windows 10 è senza ombra di dubbio Bitdefender.
È disponibile in più varianti:
una gratuita, di base, ed altre a pagamento.

IMMAGINE QUI 6

La versione gratuita è molto semplice da usare, offre il controllo in tempo reale del sistema, ha un motore di scansione efficace e performante ed è in grado di lavorare senza rallentare il sistema.
Ha altresì una bella interfaccia utente, essenziale, elegante ed anche sufficientemente intuitiva, tramite cui è possibile svolgere tutte le operazioni.

Le versioni a pagamento del programma che invece io ti consiglio di prendere in considerazione per il tuo PC Windows 10 sono la Plus e la Internet Security.
Tutte e due le soluzioni offrono un grado di protezione completa senza intaccare le risorse di sistema, un sistema di protezione da ransomware multilivello, un sistema antipishing ed antifronde e tutta una serie di appositi strumenti capaci di garantire un elevato livello di privacy per l’utente, sia durante l’uso quotidiano del computer che in rete.

Andando ancor più nello specifico, la versione Plus rappresenta la soluzione ideale per chi utilizza il computer perlopiù offline, mentre l’Internet Security è pensata in maniera specifica per chi naviga spesso in rete.

Altri antivirus

Per concludere, voglio segnalarti altre soluzioni antivirus per Windows 10 che a mio modesto avviso sono meritevoli di essere citate in un articolo interamente dedicato all’argomento.
Le trovi qui di seguito.
Anche in tal caso ce ne sono sia di gratuite che a pagamento (con la possibilità di effettuare il download della relativa versione di prova).
Scegli l’antivirus che ritieni possa fare maggiormente al caso tuo e scaricalo subito!

IMMAGINE QUI 7

  • Panda (gratis ed a pagamento) – Antivirus celebre soprattutto per il suo elevato tasso di efficacia anche se lascia passare un po’ troppi falsi positivi.
  • ESET (a pagamento) – Ottimo antivirus disponibile in differenti soluzioni capace di mettere al sicuro da virus, spyware e ransomware.
    Ha inoltre un’interfaccia semplice ma, questo va detto, offre un minor numero di funzioni extra rispetto alla concorrenza.
  • F-Secure (a pagamento) – È in grado di offrire prestazioni di alto livello e di proteggere il PC in modo completo.
    Ha anche un’interfaccia utente gradevole e moderna.
  • McAfee (a pagamento) – Un altro buon antivirus per sistemi operativi Windows capace di proteggere contro virus, furti d’identità e violazione della privacy oltre che da programmi indesiderati.

IMMAGINE QUI 8

antivirus

antivirus

Un computer sicuro è un computer spento, il più grande rischio per la sicurezza del PC è quello che sta seduto davanti al monitor.
Chissà quante volte hai sentito frasi del genere, frasi che nascondono delle realtà abbastanza condivisibili, ma questo non significa che bisogna gettare le armi e non difendere il proprio sistema da virus e malware.

Ecco il motivo per il quale oggi ho deciso di proporti una lunga selezione di antivirus adatti a tutte le esigenze e tutte le piattaforme.
Non solo Windows, infatti, è colpito dai malware ma lo sono anche OS X e Android (in ambito mobile).
Scopriamo subito come difenderci efficacemente!

Come abbastanza ovvio che sia, cominciamo da una rassegna dedicata ai migliori antivirus disponibili per il sistema operativo Windows.
C’è davvero l’imbarazzo della scelta!

  • Avast – uno degli antivirus più completi ed efficaci disponibili per Windows.
    È disponibile in una versione gratuita che garantisce la protezione completa del PC sia online che offline.
    Monitora l’apertura di file e programmi, la navigazione su Internet e la posta elettronica.
    La versione completa, a pagamento, offre in più il firewall, un sistema di protezione contro lo spam e il controllo degli aggiornamenti per i software installati sul computer.
  • Avira – un altro popolarissimo antivirus disponibile sia in versione gratuita che a pagamento.
    Quella free monitora le attività dell’utente offline e la navigazione Web ma non la posta elettronica, mentre quella a pagamento include il controllo delle email, un firewall e un sistema di parental control per la navigazione online.
    Non è il più leggero, in termini di prestazioni, ma figura sempre ai primi posti nelle classifiche comparative.
  • AVG – antivirus estremamente conosciuto su scala globale che coniuga un controllo completo del sistema (compresa la navigazione Internet) ad un’interfaccia utente molto intuitiva.
    Non rallenta il PC ed è disponibile in due versioni:
    una gratuita ed una a pagamento, nella quale sono compresi anche strumenti per l’ottimizzazione del sistema, la protezione dei servizi di messaggistica e funzioni ottimizzate per la visualizzazione dei video in streaming.
  • Panda Cloud – la soluzione ideale per chi cerca un antivirus efficace ma soprattutto leggero, che non rallenti il PC.
    Come suggerisce il suo nome, Panda Cloud è basato su un sistema di elaborazione online che trasferisce su server remoti alcuni compiti che negli antivirus tradizionali stressano il computer in uso.
    Ad esempio, non bisogna scaricare le liste delle definizioni, che risiedono online e sono sempre aggiornate.
    Protegge sia le attività in locale che la navigazione Web.
    La versione a pagamento offre in più un firewall e la protezione nelle reti Wi-Fi pubbliche.
  • Bitdefender – anche questo antivirus fa sempre un’ottima figura nelle classifiche comparative ed è disponibile in due versioni:
    una free e una pagamento.
    Quella gratuita si distingue per la sua essenzialità e permette di proteggere il computer da tutte le principali minacce informatiche, quella a pagamento include firewall, parental control, antispam e molto altro ancora.

IMMAGINE QUI 1

Il problema dei virus e dei malware è avvertito ancora marginalmente dagli utenti Mac, tuttavia anche sul sistema operativo di casa Apple è consigliabile utilizzare un antivirus, soprattutto se si scambiano spesso file con persone che utilizzano Windows o si lavora in maniera costante su entrambe le piattaforme.
Ecco alcune delle migliori soluzioni disponibili attualmente.

  • Avast – la controparte OS X dell’ottimo antivirus gratuito disponibile su Windows.
    Facile, veloce e affidabile come quello destinato alla piattaforma Microsoft.
  • ClamXav – antivirus gratuito basato sul progetto open source ClamAv che monitora in maniera costante il sistema (se si attiva tale funzionalità nelle preferenze) e permette di scoprire sia le minacce per OS X sia quelle per Windows che possono essere presenti sul computer.
  • Avira – anche Avira Free è disponibile in una versione per Mac che protegge il computer in tempo reale ed è in grado di individuare sia le minacce specifiche per OS X sia i malware per Windows (per evitare di infettare inconsapevolmente i PC di amici e colleghi).
  • Sophos Home Edition – un altro nome importante nell’ambito della sicurezza informatica che ha deciso di realizzare un antivirus per Mac in grado di monitorare il sistema e proteggerlo da virus e malware di vario genere.

IMMAGINE QUI 2

Purtroppo, anche gli smartphone e i tablet equipaggiati con Android hanno bisogno di un antivirus per fronteggiare i molti malware che sono stati realizzati per colpire il sistema operativo del robottino verde.
Sono utili soprattutto a coloro che installano app prelevate al di fuori del Google Play Store (e che quindi possono andare incontro più facilmente a software malevolo non soggetto a controlli di sicurezza).
Eccone alcuni che ti consiglio di provare.

  • AVG – prodotto dalla stessa software house dell’omonimo antivirus per Windows, AVG permette di proteggere Android monitorandolo in tempo reale.
    Controlla app, dati e permette anche di rintracciare i dispositivi smarriti su una mappa di Google Maps da remoto.
    Gratis.
  • Avast – oltre che per Windows e Mac, Avast è disponibile anche per Android.
    Protegge smartphone e tablet dai malware controllando app, dati e comunicazioni (SMS).
    Include anch’esso una funzione per rintracciare i terminali da remoto.
  • TrustGo – uno dei migliori antivirus gratuiti per Android che consente di eseguire scansioni on-demand e controlla in tempo reale lo stato del sistema.
    Include anche funzioni di backup e un tool per il monitoraggio dei consumi delle app.

Per saperne di più sul funzionamento degli antivirus Android, consulta la guida che ho scritto sull’argomento e nella quale ti ho illustrato in dettaglio come utilizzarne alcuni.

antivirus online gratis in italiano i migliori antivirus

antivirus online gratis in italiano i migliori antivirus

In informatica, così come nella vita, due pareri sono sempre meglio di uno.
Ecco perché effettuare una scansione antivirus del proprio computer con due antivirus anziché uno può “salvarci la pelle” e aiutarci a rilevare minacce che altrimenti sarebbero rimaste allegramente a far danni nel sistema.

Come dici?
Ti ho sempre detto che avere due antivirus attivi contemporaneamente sul PC fa male?
Infatti, confermo! La seconda opinione di cui parlo è quella che ti possono dare gli antivirus online gratis in Italiano, antivirus che non s’installano sul computer, non controllano il PC 24 ore su 24 ma effettuano un controllo del sistema direttamente da Internet.
Ecco una rapida rassegna dei migliori.

Uno dei migliori antivirus online gratis in Italiano attualmente in circolazione è senza ombra di dubbio Panda Activescan.
Per controllare il tuo computer con Panda Activescan, collegati con Internet Explorer alla pagina principale dell’antivirus, metti il segno di spunta accanto alla voce Analisi completa (quella breve serve a controllare solo le cartelle di sistema) e clicca su Analizza ora.

Nella pagina che si apre, clicca sulla barra gialla che compare sotto la barra degli indirizzi del browser e seleziona la voce Installa controllo ActiveX dal menu.
Clicca quindi sul pulsante Installa e attendi che parta la scansione antivirus.
Nel caso in cui comparisse un messaggio di errore, fai nuovamente click sulla barra gialla e clicca prima sulla voce Esegui controllo ActiveX del menu e poi sul pulsante Esegui per far partire la scansione.

IMMAGINE QUI 1

Un altro antivirus online gratis in Italiano che ti consiglio di tenere sempre nei preferiti è Symantec Security Check, il servizio di scansione su Internet offerto dalla casa produttrice di Norton Antivirus.
Per avviare una scansione antivirus del tuo PC con Symantec Security Check, collegati alla pagina principale dell’antivirus e clicca sul pulsante Vai.

Nella pagina che si apre, clicca sul pulsante Avvia collocato sotto la voce Scansione dei virus, metti il segno di spunta accanto alla voce Accetto (per accettare le condizioni di utilizzo del servizio) e clicca su Avanti.
Clicca quindi sulla barra gialla che compare sotto la barra degli indirizzi del browser, seleziona la voce Installa controllo ActiveX dal menu e clicca sul pulsante Installa tutte le volte che ti viene proposto per avviare la scansione del tuo sistema.

IMMAGINE QUI 2

Se alla scansione completa del sistema preferisci analizzare file singoli, l’antivirus online gratis in Italiano che fa per te è VirSCAN.
Con questo eccellente servizio online gratuito potrai analizzare file e archivi grandi fino a 20MB con il motore di tutti i migliori antivirus (Avira, Avast, AVG, Bitdefender, Kaspersky, ecc.) contemporaneamente.

Per analizzare un file con VirSCAN, non devi far altro che collegarti alla pagina principale del sito e cliccare prima sul pulsante Sfoglia (in alto) per selezionare il file da scansionare e poi su Carica per avviare il controllo antivirus.
Nel giro di pochi istanti si aprirà una pagina con i risultati della scansione, antivirus per antivirus (nella colonna Risultato Scan ci sono gli eventuali virus trovati).

IMMAGINE QUI 3

come escludere un file dallantivirus

come escludere un file dallantivirus

Ormai sai bene quanto è importante l’uso di un buon antivirus sul proprio PC.
A volte, però, può capitare che prodotti come Avast, Avira, Windows Defender ecc.
si “impuntino” su file che descrivono come minacce ma che in realtà sono innocui:
si chiamano falsi positivi.

Se anche tu ti trovi in una situazione del genere e sei convinto che il tuo antivirus stia sbagliando a indicare un determinato file come una potenziale minaccia, puoi passare all’azione e aggiungere l’oggetto “incriminato” alle eccezioni, ossia ai file che l’antivirus non deve prendere in considerazione durante le sue scansioni.

Se vuoi saperne di più e sei convinto al 100% della sicurezza dell’elemento che ti viene segnalato come virus, leggi questa mia guida dedicata proprio a come escludere un file dall’antivirus, valida sia per Windows che per macOS.
È un’operazione molto più semplice di quel che tu possa pensare, hai la mia parola.
Allora?
Sei pronto per iniziare?
Sì?
Benissimo.
Mettiamo le chiacchiere da parte e cominciamo subito a darci da fare!

Indice

  • Informazioni preliminari
  • Come escludere un file dall’antivirus Microsoft
    • Windows 10
    • Windows 8/8.7
    • Windows 7, Vista e XP
  • Come escludere un file dall’antivirus Avast
    • Windows
    • macOS
  • Come escludere un file dall’antivirus Kaspersky
    • Windows
    • macOS
  • Come escludere un file dall’antivirus Bitdefender
    • Windows
    • macOS
  • Come escludere un file dall’antivirus AVG
  • Come escludere un file dall’antivirus Avira

Informazioni preliminari

IMMAGINE QUI 1

Prima di entrare nel vivo della questione andando a scoprire, in concreto, quali sono i passaggi da compiere con i vari software antivirus per escludere un file dal processo d’analisi, mi sembra doveroso fare alcune precisazioni al riguardo.

Solitamente, gli antivirus sono abbastanza precisi nel riuscire a individuare le minacce informatiche, per cui, in linea di massima, è sempre bene fidarsi del “giudizio” dato da tali software.
Ho però scritto “solitamente” perché, per quanto impeccabili possano essere, anche i migliori antivirus hanno dei margini d’errore e possono indicare come malevoli dei file che in realtà non lo sono.

Ma come fare a riconoscere un file effettivamente sicuro da un virus?
Partendo dal presupposto che nel caso dei file provenienti da fonti dubbie (es.
l’eseguibile di un programma scaricato da un sito Internet di cui non avevi mai sentito parlare) sarebbe bene fidarsi del parere dell’antivirus, per fare la cosiddetta “prova del nove” ti consiglio di rivolgerti al sito Internet Virustotal.

Nel caso in cui non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di un rinomato servizio Web gratuito che consente di verificare il grado di sicurezza di qualsiasi file sfruttando il motore di oltre 70 tra gli antivirus più affidabili presenti sul mercato.
Funziona direttamente dalla finestra del browser, senza scaricare assolutamente nulla sul PC e senza effettuare registrazioni.

Per usarlo, recati sulla sua home page, clicca sul bottone Scegli file e seleziona il file da esaminare (deve pesare al massimo 128 MB).
Successivamente, premi sul pulsante Scansiona e attendi che il file venga prima caricato online (se necessario, molti file sono stati già scansionati da altri utenti e quindi è possibile visualizzarne direttamente il rapporto) e poi elaborato dal sistema e che ti venga fornito il responso.
Per ulteriori informazioni, ti rimando alla lettura della mia guida specifica sulla scansione antivirus online.

Come escludere un file dall’antivirus Microsoft

Fatte le premesse di cui sopra, veniamo al dunque.
Per cui, se per proteggere il tuo PC usi l’antivirus Microsoft, Windows Defender oppure Security Essentials (la versione meno avanzata di Windows Defender), e ti piacerebbe capire come escludere un file dall’antivirus in questo caso specifico, leggi le indicazioni sul da farsi relative a Windows 10, 8/8.x, 7, Vista e XP che trovi qui sotto.

Windows 10

IMMAGINE QUI 2

Se stai usando Windows Defender su Windows 10 , tutto quello che devi fare per riuscire nel tuo intento è digitare “sicurezza di Windows” nel campo di ricerca posto nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni e selezionare il risultato pertinente.

Nella finestra che si apre sul desktop, seleziona la voce Protezione da virus e minacce posta nella barra laterale di sinistra, clicca sul collegamento Gestisci impostazioni che trovi in corrispondenza della sezione Impostazioni di Protezione da virus e minacce situata a destra e seleziona il collegamento Aggiungi o rimuovi esclusioni che trovi sotto la dicitura Esclusioni (sempre a destra) nella nuova schermata visualizzata. 

A questo punto, clicca sulla voce Aggiungi un’esclusione, seleziona la voce File (oppure quella Cartella o Tipo file) dal menu che si apre, seleziona l’elemento da escludere dal processo d’analisi dell’antivirus e il gioco è fatto. 

Windows 8/8.x

IMMAGINE QUI 3

Se stai usando Windows 8/8.x, clicca sul pulsante Start (quello con la bandierina di Windows) collocato nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni, digita i termini “Windows Defender” nel campo di ricerca e seleziona il risultato pertinente.

Nella schermata che a questo punto ti viene mostrata, clicca sulla scheda Impostazioni, seleziona la voce File e percorsi esclusi che si trova sulla sinistra, premi sul bottone Sfoglia collocato a destra, seleziona il file da escludere mediante l’ulteriore finestra visualizzata e fai clic sul bottone OK.
Per confermare le modifiche apportate, premi poi sul pulsante Salva modifiche.

Windows 7 e Vista e XP

IMMAGINE QUI 4

Se su Windows 7, Vista oppure XP usi l’antivirus di Microsoft, per escludere un file da quest’ultimo procedi nel seguente modo:
clicca sul pulsante Start (quello con la bandierina di Windows) collocato nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni e seleziona il collegamento relativo a Windows Defender oppure a Security Essentials dal menu che si apre.

Nella finestra che a questo punto visualizzi sul desktop, fai clic sulla voce Strumenti situata in alto a destra, poi sul collegamento Opzioni e, in seguito, sulla dicitura Cartelle e file esclusi posta nella colonna sinistra.

Premi poi sul bottone Aggiungi collocato a destra, seleziona il file da escludere mediante l’ulteriore finestra che si apre, clicca sul bottone OK e, per concludere, salva i cambiamenti apportati, premendo sul pulsante Salva.

Come escludere un file dall’antivirus Avast

Utilizzi Avast e ti piacerebbe capire come escludere un file dall’antivirus in tal caso?
Allora prosegui pure nella lettura.
Trovi spiegato come riuscirci sia su Windows che su macOS proprio qui sotto.

Windows

IMMAGINE QUI 5

Se sul tuo PC Windows hai installato Avast e vorresti capire come escludere un file dalla scansione dell’antivirus, provvedi in primo luogo a richiamare la finestra del programma, facendo clic destro sulla relativa icona che trovi nell’area di notifica di Windows (quella accanto all’orologio di sistema) e scegliendo la voce Apri l’interfaccia utente di Avast dal menu che compare.

Nella finestra che ti viene poi mostrata sul desktop, premi il bottone Menu (in alto a destra) e seleziona la voce Impostazioni dal menu che compare. A questo punto, scegli la voce Generali nel menu laterale di sinistra e clicca sulla dicitura Eccezioni nell’ulteriore menu visualizzato (sempre a sinistra).

Per concludere, premi sul bottone Aggiungi eccezione che si trova a destra, clicca sul pulsante Sfoglia, seleziona il file di tuo interesse dall’ulteriore finestra visualizzata e, per concludere, premi sui bottoni OK e Aggiungi eccezione.

macOS

IMMAGINE QUI 6

Se stai usando Avast su macOS, per escludere un file dalla protezione antivirus, procedi nel seguente modo:
richiama la finestra di Avast facendo clic sulla sua icona posta nella parte in alto a destra del menu di stato e seleziona la voce Apri Avast dal menu che compare.

A questo punto, clicca sulla voce Preferenze nel menu collocato in alto a sinistra nella schermata dell’antivirus, seleziona la dicitura Protezione posta sulla sinistra nell’ulteriore finestra visualizzata e clicca sul collegamento Impostazioni, in corrispondenza della dicitura Protezione file.

Adesso, premi sul bottone [+] che si trova in basso a sinistra, seleziona il file presente sul tuo Mac che vuoi escludere dalla scansione antivirus, clicca sul bottone Scegli e, per concludere, premi su Fine.

Se, invece, vuoi escludere un file dall’antivirus quando viene eseguita una scansione del sistema, quello che devi fare è selezionare la voce Scansiona nella barra laterale sinistra della finestra principale di Avast, individuare il tipo di scansione relativamente al quale ti interessa andare ad agire dall’elenco sulla destra, cliccare sulla relativa voce Impostazioni e, mediante la nuova finestra visualizzata, procedere in maniera analoga a come ti ho indicato poc’anzi.

Come escludere un file dall’antivirus Kaspersky

Ti interessa capire come escludere un file dall’antivirus e utilizzi Kaspersky?
Allora attieniti alle indicazioni che trovi qui di seguito.

Windows

IMMAGINE QUI 7

Se stai usando Kaspersky su Windows, per poter escludere un file dall’antivirus, richiama in primo luogo la finestra del software facendo doppio clic sulla relativa icona presente nell’area di notifica (accanto all’orologio di Windows).
A questo punto, clicca sull’icona dell’ingranaggio posta in basso e seleziona la voce Avanzate dal menu laterale di sinistra.

A questo punto, seleziona la voce Minacce ed esclusioni presente sulla destra nella finestra che si è aperta, premi sulla voce Gestisci esclusioni che trovi in corrispondenza della sezione Esclusioni e clicca sul bottone Aggiungi.

In seguito, seleziona il file che vuoi escludere dall’azione dell’antivirus, facendo clic sul bottone Sfoglia posto accanto alla dicitura File o cartella e assegna (se vuoi) un nome a piacere al file digitandolo nel campo Oggetto.

Per concludere, indica i componenti della protezione per i quali vuoi che venga tenuta conto dell’esclusione in corrispondenza della dicitura Componenti della protezione, assicurati che in corrispondenza della voce Stato risulti spuntata l’opzione Attivo (altrimenti provvedi tu) e clicca sul bottone Aggiungi.

macOS

IMMAGINE QUI 8

Se, invece, stai usando Kaspersky su macOS, richiama la finestra relativa alle impostazioni del programma facendo clic sulla sua icona collocata nella parte in alto a destra dello schermo e selezionando la voce Preferenze dal menu che si apre.

Nella nuova finestra visualizzata, seleziona quindi la scheda Minacce e fai clic sul bottone Area attendibile che si trova in basso, in corrispondenza della dicitura Esclusioni.
Nel pannello che ti viene mostrato, clicca poi sul bottone [+], seleziona il file che vuoi escludere dall’antivirus e premi sul bottone OK.

Come escludere un file dall’antivirus Bitdefender

Vediamo ora come escludere un file dalla scansione di Bitdefender per Windows e macOS.

Windows

IMMAGINE QUI 9

Se stai usando la versione Free di Bitdefender per Windows, richiama in primo luogo la finestra dell’antivirus facendo doppio clic sulla sua icona situata nell’area di notifica (accanto all’orologio di sistema).
Dopodiché, nella schermata che compare sul desktop, fai clic sull’icona dell’ingranaggio posta in alto e scegli la voce Exclusion dal menu visualizzato.

Nella nuova finestra che si apre, fai clic sul bottone Add Exclusion (in alto a destra), clicca sul pulsante Browse situato in corrispondenza della dicitura Add file, seleziona il file che vuoi aggiungere all’elenco delle esclusioni e clicca sui pulsanti Apri e Add.

Se, invece, stai usando una delle varianti a pagamento del software, per poter escludere un file dall’azione di quest’ultimo, fai doppio clic sull’icona del programma presente nell’area di notifica di Windows (per aprire la relativa finestra), clicca sulla voce Protezione nella barra laterale di sinistra e premi sulla dicitura Impostazioni che trovi in corrispondenza della sezione Antivirus (sulla destra).

A questo punto, seleziona la scheda Eccezioni, premi sul pulsante Aggiungi, poi sul bottone Sfoglia e seleziona il file da escludere dalla scansione.
Fatto ciò, scegli se escludere il file solo dalla scansione all’accesso, solo dalla scansione su richiesta o in entrambi i casi, selezionando l’opzione che preferisci tra quelle in elenco.
Clicca sul pulsante Aggiungi per salvare i cambiamenti e il gioco è fatto.

macOS

IMMAGINE QUI 10

Su macOS, per escludere un file dalla scansione di Bitdefender, devi richiamare la finestra principale dell’antivirus cliccando sulla sua icona posta nella parte in alto a destra dello schermo.
Dopodiché devi scegliere la voce Apri finestra principale dal menu che si apre, selezionare la voce Protezione dal menu laterale e cliccare sul bottone Apri, in corrispondenza del box Eccezioni posto a destra.

Nell’ulteriore finestra visualizzata, premi sul bottone [+] collocato in basso a sinistra, seleziona il file che vuoi escludere dall’azione del programma e poi fai clic sul bottone Chiudi.
Ecco fatto!

Come escludere un file dall’antivirus AVG

IMMAGINE QUI 11

Vediamo adesso come procedere nel caso dell’antivirus AVG.
Qui sotto trovi spiegato come escludere un file usando il famoso antivirus su Windows.
Per quel che concerne la variante per macOS, purtroppo non viene offerta questa possibilità.

Ciò detto, richiama la finestra del programma, facendo doppio clic sulla sua icona posta nell’area di notifica (accanto all’orologio di sistema), clicca sulla voce Menu che si trova in alto a destra nella nuova finestra apertasi e seleziona la dicitura Impostazioni.

Adesso, scegli la voce Generali dal menu sulla sinistra, clicca sulla dicitura Eccezioni dall’ulteriore menu visualizzato (sempre a sinistra), premi sul pulsante Aggiungi eccezione e seleziona il file che vuoi aggiungere alle eccezioni del programma, facendo clic prima sul pulsante Sfoglia, poi su quello OK e, infine, su Aggiungi eccezione.

Come escludere un file dall’antivirus Avira

IMMAGINE QUI 12

Se utilizzi l’antivirus Avira per Windows (la versione per macOS non offre questa possibilità), richiama la finestra del programma facendo doppio clic sulla relativa icona che trovi nell’area di notifica (accanto all’orologio di Windows), dopodiché seleziona la voce Apri che trovi in corrispondenza della dicitura Antivirus nella schermata visualizzata.

Clicca poi sul pulsante con l’ingranaggio che si trova in basso a sinistra, seleziona la voce Eccezioni dal menu collocato a sinistra nell’ulteriore finestra che si è aperta e clicca sul bottone […] situato in corrispondenza della sezione I file e le cartelle dovrebbero essere ignorati da System Scanner e Protezione in tempo reale.

Per concludere, seleziona il file di tuo interesse e fai clic sui bottoni OK, Applica e OK.
Più facile di così?

IMMAGINE QUI 13

migliori antivirus gratis per pc

migliori antivirus gratis per pc

Hai da poco acquistato un nuovo PC e, intenzionato a effettuare un’accurata cernita in merito ai programmi da installare nel prossimo futuro, vuoi partire dall’aspetto sicurezza.
Per questo motivo, troveresti utile avere a disposizione una lista di quelli che, al momento, sono i migliori antivirus gratis per PC, che possano aiutarti a proteggere l’integrità dei tuoi dati e dell’intero computer senza mettere mano al portafogli.

Se le cose stanno in questo modo, sono ben lieto di comunicarti che sei capitato proprio nel posto giusto, al momento giusto! Nel corso di questa guida, avrò infatti cura di mostrarti una serie di antivirus in grado di fornire protezione contro la maggior parte delle minacce attualmente esistenti, a costo zero, sia su Windows che su macOS.
A tal proposito, il sistema operativo di Apple è notoriamente meno diffuso e meno soggetto al rischio malware rispetto a Windows, per cui ti consiglio di non installare un antivirus con monitoraggio in tempo reale su Mac, ma solo, eventualmente, un software per eseguire scansioni on-demand.

Detto ciò, come scoprirai tra breve, non deve spaventarti il fatto che queste soluzioni siano free, poiché non sono né poco sicure né incomplete, tutt’altro:
molti antivirus free dispongono anche di moduli aggiuntivi, in grado di offrire protezione per la navigazione Web, per gli allegati delle email (da sempre tra i più diffusi vettori d’infezione) e per altri comportamenti comuni durante l’utilizzo del PC.
Chiaramente le suite a pagamento offrono strumenti ancora più avanzati, ma in termini di efficacia nel rilevamento dei virus non presentano quasi mai differenze.
Detto ciò, prenditi qualche minuto di tempo libero e leggi con attenzione tutto quanto ho da dirti sull’argomento:
al termine della lettura di questa guida, saprai certamente scegliere la soluzione di sicurezza più adatta al tuo caso.
Buona lettura e buona fortuna!

Indice

  • Confronto migliori antivirus
  • Migliori antivirus gratis per PC
    • Windows Defender (Windows)
    • Avast Free (Windows/macOS)
    • Bitdefender Free (Windows/macOS)
    • AVG Free (Windows/macOS)
    • Avira Free (Windows/macOS)
    • Panda Free (Windows/macOS)

Confronto migliori antivirus

IMMAGINE QUI 1

Prima di andare avanti e di elencarti quelli che, a mio avviso, sono i migliori antivirus gratuiti del momento, lascia che ti dica due parole sui parametri di selezione che ho scelto di usare per realizzare questa lista di programmi.

Oltre che sulle mie esperienze personali, mi sono basato sulle classifiche antivirus realizzate da AV-Test AV Comparatives, due aziende indipendenti specializzate nella sicurezza informatica, le quali mettono a disposizione, periodicamente, dei confronti dettagliati sui principali software antivirus, sia gratuiti che a pagamento.

Tra i parametri presi in analisi, figurano il tasso di rilevamento delle minacce conosciute e nuove, il tasso di rilevamento di falsi positivi, i dati relativi all’impatto sul sistema delle varie scansioni e molto altro ancora.
Caratteristica dei due portali, inoltre, è quella di effettuare dei test comparativi in scenari d’uso reali, il che rende i risultati particolarmente attinenti a quella che è l’effettiva capacità degli antivirus durante l’utilizzo di tutti i giorni.

In particolare, AV-Test offre risultati suddivisi per sistema operativo e consente di ordinare i software in base alla percentuale dei malware che riescono a bloccare (Protection), alle prestazioni e alla velocità delle analisi (Performance) e al rilevamento di falsi positivi (Usability).

AV-Comparatives, invece, mette a confronto le varie soluzioni software in base a una serie di test mirati, che comprendono:
l’analisi su scenari d’impiego comune (Real-World Protection Test), la percentuale di rilevamento delle minacce (Malware Test), le prestazioni (Performance Test), la percentuale di rilevamento di falsi positivi (False Positive Test), le analisi euristiche basate sul comportamento (Heuristic Behavioural Test) e molto altro.

Migliori antivirus gratis per PC

Compresi i parametri che ho usato per selezionare i migliori antivirus gratis per PC del momento, è arrivato il momento di entrare nel vivo di questa guida e di mostrarti, di fatto, quali sono.

Windows Defender (Windows)

IMMAGINE QUI 2

Windows Defender è la soluzione di sicurezza inclusa nelle più recenti versioni di Windows, come Windows 10 o Windows 8.1.
Trattandosi di un programma incluso “di serie” nel sistema operativo Microsoft, esso vi si integra alla perfezione e, pertanto, risulta particolarmente leggero e non influisce in maniera sensibile sulle soluzioni di sistema a disposizione.

Ti farà piacere sapere che, nel tempo, Windows Defender ha fatto passi da gigante:
a oggi, infatti, si tratta di una delle più affidabili soluzioni per Windows, in grado di rilevare “al volo” virus e altri malware, grazie al costante aggiornamento del database delle definizioni e al sistema di scansione cloud.

Se vuoi dare un’occhiata ravvicinata alle funzionalità incluse in Defender, puoi richiamare il suo pannello di gestione nel seguente modo:
apri il menu Start di Windows 10 (l’icona a forma di bandierina collocata nell’angolo inferiore sinistro dello schermo), clicca sul pulsante delle Impostazioni (quello a forma d’ingranaggio) e, mediante il pannello che ti viene proposto, accedi alle sezioni Sistema e sicurezza Sicurezza di Windows.

Infine, clicca sul pulsante Apri Sicurezza di Windows e accederai così al pannello dedicato di Defender che, oltre all’antivirus, comprende anche un firewall e un sistema di protezione delle applicazioni (SmartScreen) in tempo reale.
Per effettuare una scansione antivirus, clicca sul pulsante Protezione da virus e minacce e poi sul pulsante Analisi veloce, situato nella schermata successiva.

Personalmente, se disponi di Windows, ti consiglio di usare Defender Antivirus, in abbinata con l’intero sistema di sicurezza messo a disposizione dal sistema operativo Microsoft:
il tutto è attivato per impostazione predefinita all’atto dell’installazione di Windows.

Qualora, però, volessi sostituirlo con altre soluzioni di tuo gradimento, non dovrai eseguire nessuna azione particolare, né procedere con la disinstallazione del sistema di sicurezza:
Defender è infatti configurato per disattivarsi automaticamente in presenza di un altro antivirus.

Avast! Free (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 3

Nelle più recenti classifiche antivirus per prestazioni e rilevamenti, Avast! Free ha guadagnato un bel po’ di terreno, posizionandosi tra i primi della categoria in ambito free.

Nel dettaglio, questa soluzione di sicurezza, disponibile sia per Windows che per macOS, dispone di un modulo di scansione in tempo reale in grado di bloccare tempestivamente virus, ransomware, rootkit e altri malware e integra strumenti dedicati alla protezione delle reti Wi-Fi, delle password in uso sul computer e della navigazione Web (mediante moduli che possono essere attivati e disattivati su richiesta). Avast! Free non è particolarmente avido in termini di prestazioni e può essere eseguito anche sui computer meno recenti.

Per effettuarne il download su Windows, collegati a questo sito Internet, clicca sul pulsante Download gratuito per PC e, una volta ottenuto il file, eseguilo e avviane l’installazione, cliccando sul pulsante . In seguito, rimuovi il segno di spunta dalle voci relative all’installazione di software di terze parti (in modo da non installare programmi promozionali) e clicca sul pulsante Installa, per portare a termine il setup.
Se lo desideri, in fase di scelta delle opzioni d’installazione, puoi inoltre cliccare sul pulsante Personalizza e scegliere i moduli aggiuntivi da installare insieme alla protezione di base.

Ad ogni modo, a installazione ultimata, clicca sui pulsanti ContinuaNo, grazie (per rifiutare la condivisione dei dati) e Avvia la prima scansione, in modo da analizzare subito il sistema alla ricerca di eventuali minacce attive.
Per maggiori dettagli, ti invito a leggere il mio tutorial su Avast.

Se, invece, utilizzi un Mac, fai così:
collegati al sito Web del programma e clicca sul pulsante Download gratuito, per scaricare il pacchetto .dmg dell’antivirus.
A download ultimato, avvia il summenzionato file, fai doppio clic sull’icona di Avast! collocata nella finestra proposta e clicca sul pulsante Continua per tre volte di seguito. Ci siamo quasi:
premi ora i bottoni Accetta Installa, inserisci la password del Mac e, successivamente, premi di nuovo sul pulsante Installa software, per avviare il setup vero e proprio del programma.

Infine, devi autorizzare l’antivirus ad agire sul sistema operativo:
per farlo, clicca prima sul pulsante Apri le preferenze Sicurezza e poi sul bottone Consenti collocato all’interno della finestra che compare in seguito, corrispondente alla voce dedicata ad Avast!.

Bitdefender Free (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 4

Bitdefender Free si posiziona, da tempo, sui gradini più alti delle classifiche dedicate agli antivirus gratuiti:
questo antivirus, infatti, unisce una buona protezione del sistema a prestazioni di tutto rispetto, grazie al motore di rilevamento e scansione, particolarmente attento al risparmio delle risorse.

Punto di forza di questa soluzione di sicurezza è l’assenza di componenti aggiuntivi che, a lungo andare, potrebbero rivelarsi ingombranti o fastidiosi:
oltre al motore di sicurezza in tempo reale (disponibile solo su Windows), Bitdefender Free fornisce soltanto un modulo dedicato alla protezione della navigazione Web, in grado di rilevare e bloccare tempestivamente siti di phishing e truffe. Nota negativa, se così la si può definire, è l’obbligo di effettuare una sottoscrizione al portale Bitdefender per poter ottenere una licenza gratuita per l’antivirus.

Per installare Bitdefender Free su Windows, collegati alla sua pagina Web ufficiale, clicca sul pulsante Scaricalo gratis e, ultimato il download, avvia il file .exe che hai ottenuto.

Successivamente, clicca sul pulsante , attendi che i file fondamentali dell’antivirus vengano ottenuti da Internet e che il programma d’installazione vero e proprio venga avviato:
a questo punto, accetta i termini di servizio, apponendo il segno di spunta accanto alla relativa casella, scegli se Inviare rapporti anonimi sull’utilizzo, intervenendo sull’apposita casella e, quando hai finito, clicca sul tasto Installa, per ultimare la fase di setup.

Adesso devi registrare un account Bitdefender compilando il modulo che ti viene proposto. A registrazione ultimata, la schermata principale dell’antivirus dovrebbe aprirsi automaticamente:
quando ciò avviene, fai clic sul pulsante System scan, per avviare una scansione del sistema operativo, alla ricerca di malware e minacce attive.
Per saperne di più, consulta il mio tutorial su Bitdefender Free.

Bitdefender è disponibile anche per Mac e può essere scaricato direttamente dal Mac App Store:
come ti ho accennato in precedenza, però, questa variante dell’antivirus non dispone del sistema di scansione in tempo reale, ma può effettuare soltanto analisi su richiesta.

AVG Free (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 5

AVG Free entra di diritto nella mia lista dei migliori antivirus gratis per PC grazie al suo efficiente sistema di analisi e rilevamento in tempo reale, in grado di bloccare “sul nascere” virus, spyware, ransomware, malware e tantissime altre categorie di minacce informatiche.

Oltre alle funzionalità di sicurezza di base, la versione gratuita dell’antivirus integra anche un sistema di scansione per emaildownload link non sicuri, oltre a un modulo aggiuntivo per l’analisi delle prestazioni del PC.

L’ampio parco applicativo di AVG Free, tuttavia, può incidere sulle prestazioni dei computer dotati di hardware non recentissimo:
il sistema di analisi è efficiente ma impegna un bel po’ di soluzioni, che aumentano ulteriormente se si tengono attivi anche i moduli di protezione aggiuntiva.
Pertanto, ti consiglio di utilizzare AVG Free su computer dotati di almeno 4 GB di RAM, onde evitare blocchi temporanei in fase di scansione.

Chiarito questo aspetto, se ti interessa scaricare AVG Free su Windows, procedi come segue:
collegati alla pagina ufficiale dell’antivirus, clicca sul pulsante Download gratuito per effettuare il download del pacchetto d’installazione del software e, al termine, lancia il file e clicca sul pulsante Sì per avviare l’installazione del programma.

Ora, attendi qualche minuto affinché vengano scaricati da Internet i file necessari al funzionamento dell’antivirus e, una volta giunto alla schermata delle impostazioni d’installazione, rimuovi il segno di spunta dalla casella che trovi in basso, onde evitare il download e l’installazione di file aggiuntivi.

Se desideri installare tutti i componenti dell’antivirus (incluso il sistema di scansione di allegati e download e il modulo di analisi delle prestazioni del PC), clicca sul pulsante Installa, per procedere con il setup del programma; se, invece, vuoi installare soltanto la protezione di base o escludere alcuni moduli, clicca sulla voce Personalizza e imposta l’apposito menu a tendina su Protezione minima, spuntando, se lo ritieni necessario, le caselle relative ai moduli aggiuntivi da installare.

Al termine dell’installazione dell’antivirus, clicca sui pulsanti Continua No grazie, per evitare l’attivazione di una licenza di prova della versione Premium.
Infine, per assicurarti che il PC non contenga minacce attive, fai clic sul pulsante Avvia la prima scansione.

Se, invece, utilizzi macOS, puoi scaricare e installare AVG Antivirus nel seguente modo:
collegati a questo sito Internet, clicca sul pulsante Download gratuito per avviare il download del pacchetto .dmg relativo al programma e, quando l’hai ottenuto, lancialo. In seguito, fai doppio clic sull’icona di AVG annessa alla finestra che ti viene proposta, clicca sul pulsante Continua per tre volte consecutive, poi su Accetta Installa e, quando richiesto, immetti la password del Mac e premi sul pulsante Installa software.

Infine, provvedi a inserire AVG tra i software consentiti da macOS, cliccando sul pulsante Apri le preferenze Sicurezza e poi sul tasto Consenti corrispondente ad AVG annesso alla finestra successiva.

Avira Free (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 6

Senza ombra di dubbio, Avira Free è uno dei migliori antivirus gratuiti disponibili per computer:
si tratta di una soluzione di sicurezza completa, in grado di rilevare e debellare la maggior parte delle minacce esistenti, grazie al motore di scansione in tempo reale e alle definizioni costantemente aggiornate.

Avira Free, tuttavia, non è soltanto un antivirus! Esso, infatti, porta con sé una serie di moduli aggiuntivi, in grado di fornire protezione a diversi aspetti del sistema operativo e del software installato: il modulo software updater, per la gestione degli aggiornamenti dei programmi installati; il modulo Phantom VPN, per proteggere la navigazione mediante VPN; il modulo System Speedup, per la gestione della memoria e delle soluzioni del PC; e, infine, i moduli Safe Shopping Privacy Pal, preposti, rispettivamente, alla protezione per gli acquisti e alla gestione delle impostazioni di Windows.

Sebbene il motore di ricerca virus e minacce sia alquanto “silenzioso” e decisamente leggero, la presenza dei moduli aggiuntivi per Windows, la cui installazione non può essere evitata (sebbene ciascuno di essi possa essere eliminato in un secondo momento, mediante la sezione dedicata alla gestione dei programmi di Windows), potrebbe incidere sulle prestazioni finali del PC durante la fase di scansione dei componenti:
per questo motivo, ti sconsiglio l’utilizzo di Avira Free su computer dotati di poca memoria RAM.

Chiarito questo aspetto, se usi Windows e desideri scaricare Avira Free, collegati a questo sito Internet e clicca sul pulsante Scarica gratis per avviare il download del pacchetto del software.

Dopo aver scaricato il file d’installazione, avvialo, clicca sui pulsanti Accetta e Installa Sì e attendi che i file necessari all’esecuzione del programma di setup vengano scaricati sul computer. In seguito, l’antivirus dovrebbe proporti di effettuare l’iscrizione al portale Avira:
se lo desideri, immetti i dati richiesti all’interno del modulo visualizzato a schermo; se, invece, desideri evitare di registrarti, chiudi la finestra cliccando sulla situata in alto a destra.

Ora, Avira dovrebbe terminare in autonomia l’installazione dei moduli principali del sistema di sicurezza:
al termine, clicca sul pulsante Apri Avira, per accedere alla console principale dell’antimalware, mediante la quale avviare i vari moduli (o installarne di nuovi).

Per aprire la schermata principale di Avira, clicca sul pulsante Apri corrispondente alla dicitura Antivirus:
se tutto è andato per il verso giusto, dovrebbe contestualmente essere avviata la prima scansione del sistema, attraverso l’apposito componente del programma (denominato Luke Filewalker).
Per approfondimenti, leggi il mio tutorial su Avira.

Se utilizzi il sistema operativo macOS, invece, collegati a questa pagina Web, clicca sul pulsante Download gratuito per scaricare il pacchetto .dmg relativo all’antivirus e, a download ultimato, installalo.

In seguito, fai doppio clic sull’icona di Avira collocata nella finestra che compare a schermo, premi sui pulsanti Apri e Accetta e Installa e, quando richiesto, digita la password del Mac nell’apposito modulo.
Per concludere, clicca sul pulsante Apri le preferenze di Sicurezza e concedi le autorizzazioni necessarie cliccando sul pulsante Consenti (corrispondente ad Avira), situato nella finestra che compare successivamente.

Panda Free (Windows/macOS)

IMMAGINE QUI 7

Se stai cercando un antivirus estremamente leggero, da utilizzare magari su PC non più recentissimi, non puoi non dare un’opportunità a Panda Free.
Esso basa il suo funzionamento quasi interamente sul cloud:
le operazioni più importanti (e più pretenziose in termini di soluzioni), come l’analisi dettagliata dei file, vengono effettuate mediante l’ausilio di server remoti, evitando così di impiegare preziose soluzioni del computer.

Oltretutto, le definizioni di Panda Antivirus sono sempre aggiornate, in quanto esse risiedono in cloud.
Come è semplice immaginare, però, questa soluzione di sicurezza non è in grado di funzionare al 100% in assenza di collegamento a Internet:
tieni ben presente questo aspetto in fase di scelta.

Se ti interessa scaricare Panda Free su Windows, recati sulla pagina Web del programma, clicca sul pulsante Scarica e poi sui bottoni No, grazie Scarica subito, in modo da avviare il download del file d’installazione del programma.

Dopo aver ottenuto il file in questione, avvialo e premi sui pulsanti Successivo Accetta e installa, per portare a termine l’installazione dei file necessari al funzionamento del programma (che potrebbe impiegare diversi minuti).
Per effettuare la prima scansione del sistema, clicca sul pulsante Apri ora, poi sull’icona dello scudo, collocata all’interno della finestra successiva e, infine, sul pulsante Analizza ora.
Per approfondimenti, leggi il mio tutorial su Panda Free.

Devi sapere che Panda Antivirus è disponibile anche per Mac, ma non è gratuito e richiede l’acquisto di un’apposita licenza (con prezzi a partire da 2,99€/mese):
per maggiori informazioni, ti invito a consultare il sito Web dedicato.

IMMAGINE QUI 8